Agli Stati Generali di Bologna per Muoversi in Sicurezza

9 Aprile 2015

pedalare-sicurezzaL’assenza di accettabili livelli di sicurezza nella circolazione sulle strade produce un duplice impatto negativo rispetto alle politiche sulla ciclabilità.
Un primo impatto è, ovviamente, quello direttamente prodotto dalla pericolosità percepita o subita dagli utenti, per i quali rappresenta forse il disincentivo più potente per l’uso della bicicletta.
Un secondo impatto, indiretto, è quello di ‘deformare’ tali politiche verso soluzioni infrastrutturate, prevalentemente basate sulla segregazione/segmentazione degli spazi.
Un tale esito è da considerarsi estremamente negativo per una serie di ragioni, tra cui l’impegno economico e i lunghi tempi di realizzazione richiesti non sono certo i più importanti.
Quello che si perde infatti è la qualità dello spazio pubblico che vede nell’unitarietà della sua percezione e fruizione uno degli elementi fondativi; si perde poi uno dei ‘motori’ più importanti della domanda di maggior sicurezza che proprio il ritorno dei ciclisti sulle strade ha contribuito e contribuisce ad accrescere e a rendere sempre più pressante.

Sono quindi due le linee di ragionamento da condurre:
– circa le azioni che servono direttamente ai ciclisti per migliorare la sicurezza della loro circolazione sulle strade urbane e extraurbane;
– circa le azioni che servono per rendere meno pericolosa e vulnerante la circolazione dei veicoli a motore.

Il lavoro condotto a Reggio Emilia ha già identificato molte di tali azioni, organizzandole nel Libro Rosso che, a sua volta, ha ispirato parte delle proposte di modifica del Codice della Strada contenute nella recente legge delega per la revisione del Codice della Strada.

Rispetto a quel lavoro, sul quale fa ovviamente in primo luogo fatto il punto, ora occorre sviluppare due ulteriori riflessioni:

– sul grado di maturazione di nuovi e potenzialmente assai efficaci strumenti di controllo dei comportamenti;
– sulle azioni che vanno intraprese per aumentare sempre più la domanda di sicurezza e, di converso, l’intolleranza verso i comportamenti più vulneranti, da parte di tutti gli utenti della strada.

Il tavolo “Muoversi in Sicurezza” si terrà per tutta la durata di Sabato 11 Aprile a Bologna nella cornice degli Stati Generali della Mobilità Nuova

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
Da: 1.499
Acquista
Meccanica Base 1
Da: 149
Acquista

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti