MENU

Il lago di Tenno in bicicletta

Italia, Itinerari, Trentino • di

Parto da Riva del Garda non prima di aver fatto un giretto nei tanti negozi di bici e articoli sportivi che caratterizzano questa cittadina, mèta preferita di bikers e climbers.

Mappa

Altimetria

tenno-altimetria
Traccia gps | Mappa kml

Aria tersa, sole che splende e tipico venticello chiamato Òra che – soffiando regolarmente tutti i giorni – assume una certa importanza nel medio e nell’alto Garda dove, grazie alla forma ad imbuto, strozzato ai lati delle catene montuose raggiunge velocità significative: e per quello è tanto amato dai surfisti.
Decidiamo di dirigerci verso Varone dove ci attende una salita molto impegnativa che subito mette alla prova il nostro allenamento e soprattutto le nostre gambe. Ma non ci si può perdere di animo, giriamo lo sguardo e ciò che ci circonda non è il tipico paesaggio Trentino: siamo attorniati da olivi secolari, piante di origano, agavi e muretti a secco: un’esplosione di mediterraneità! Godiamo della fatica e del caldo.

Salendo da Varone tra gli olivi

Salendo da Varone tra gli olivi

Strade di campagna tra olivi e vigne con vista sul lago di Garda

Strade di campagna tra olivi e vigne con vista sul lago di Garda

Preso il ritmo, continuiamo a salire lungo la strada che ci porterà a Tenno; alterniamo strade asfaltate a sterrati che percorriamo per la prima volta perché oggi abbiamo voglia di andare alla scoperta di nuovi percorsi.
Passato l’abitato della frazione di Pranzo ci fermiamo a salutare il nostro amico Paolo Bebber architetto che ha deciso di cambiare vita e di fare l’agricoltore. La sua è un’Azienda Biologica (Terre del Sole) che produce un vino in anfora senza solfiti e alcune creme tra cui le nostre preferite, quella di bietole rosse e il patè di olive. Acquistiamo una bottiglia di ottimo e vero olio extravergine d’oliva (che mio marito Giovanni cortesemente mette dentro il suo zainetto).

Azienda Agricola Terre del Sole di Paolo Bebber

Azienda Agricola Terre del Sole di Paolo Bebber

Pedalando con vista su paesino di Canale di Tenno

Pedalando con vista su paesino di Canale di Tenno

Saliamo ancora ma manca poco; una volta scollinato vediamo in lontananza le azzurre acque del lago di Tenno, che si trova a pochi passi dal meraviglioso borgo medioevale di Canale di Tenno. Il lago di Tenno è un piccolo ma delizioso laghetto che si estende per una superficie di circa 2,5 Kmq ed è il sesto lago Trentino per dimensione. Il lago è balneabile ed è un’oasi di tranquillità con le sue acque limpide e i paesaggi incontaminati.

Strade di campagna che sembrano ciclabili

Strade di campagna che sembrano ciclabili

Volendo è possibile allungare il giro dirigendosi verso il Passo del Ballino per poi girare a destra verso la Località Castil che ci riporta verso Calvola. Si tratta di allungare il percorso di circa 8km (di cui 3 su sterrato, solo per mtb) e aggiungere un dislivello di 300m. Noi decidiamo di metterci le bici in spalla e scendere la scalinata che ci porterà sulle sponde del lago, da cui un sentierino sterrato ci rimetterà in direzione Ville del Monte. Da qui si scende tra sentieri sterrati e tratti di strade asfaltate o cementate per mitigare le pendenze che qui non mancano.

Le acque azzurre del lago di Tenno

Le acque azzurre del lago di Tenno

Nonostante siano zone conosciute non resistiamo al fascino degli edifici medioevali di Canale di Tenno, piccola perla incastonata tra olivi e pietre. L’atmosfera è sempre magica e la cura per i particolari ci stupisce sempre: il tempo sembra essersi fermato. Da non perdere nel periodo invernale è il mercatino dove l’artigianato locale e le ricette tradizionali vi conquisteranno il cuore. Canale di Tenno si adagia sulla montagna che sovrasta Riva del Garda ed è una via di accesso alle Valli Giudicarie.

Scorcio del borgo medievale di Canale di Tenno

Scorcio del borgo medievale di Canale di Tenno

Rientro con vista sul lago di Garda

Rientro con vista sul lago di Garda

Ci perdiamo affascinati a guardare i vicoli di questo borgo, riempiamo le borracce alla fontana e poi via, si scende testando nuovi sentieri. Sterrati, muretti a secco, vigne, olivi, prati in fiore, piccoli casoni in pietra: come non poteva mancare un piccolo problema tecnico? Buchiamo e Giovanni ne approfitta per testare le mie capacità e conoscenze meccaniche. Mettendoci un po’ più di tempo del dovuto riesco a risolvere il problema: esame passato! Quindi si riparte e per festeggiare e acquistare nuove camere d’aria andiamo dai mitici Roberta e Massimo (anzi Roby e Max come amano firmarsi e farsi chiamare loro) di Leoni Cicli. Qui sappiamo che ci fermeremo almeno un’oretta ad ascoltare e ammirare Max (proprietario del negozio assieme a Roby) meccanico d’eccezione e “uomo bionico”, come ama definirsi (non vi spieghiamo perché). Ci penserà lui a raccontarvelo se vi recherete nel loro negozio di Riva del Garda.

SCHEDA TECNICA
• Punto di partenza: Riva del Garda
• Punto di arrivo: Riva del Garda
• Lunghezza totale: Km totali 35
• Durata del Tour: 3 ore
• Difficoltà: medio
• Dislivello massimo: m650 (950 fino al passo del Ballino)
• Fondo: 70% asfalto tra strade di campagna e strade comunali e 30% sterrato

INFORMAZIONI UTILI

• Abbiamo indicato difficoltà media ma è comunque un percorso che richiede un certo allenamento soprattutto in alcuni tratti quando le pendenze possono anche raggiungere il 20%.

• Consigliamo di gustarsi a pieno questo tragitto quindi di prendersi, se possibile, tutta la giornata per poter godere di un bagno rigenerante nelle acque del Lago di Tenno (se capitate nella giornata e stagione giusta) e visitare le aziende agricole locali e il Borgo medioevale di Canale di Tenno che tra le altre cose offre ottimi punti di ristoro;
per gli appassionati della Specialized troverete da Cicli Leoni di Riva del Garda professionalità e cortesia. Roby e Max non sono solo titolari del negozio sono soprattutto degli appassionati della bicicletta.

• Visitate anche la vicina Riva del Garda, centro importante per il windsurf, infatti accoglie il vento della mattina Pelèr e quello pomeridiano l’Òra. Nel periodo estivo inoltre Riva è ricca di eventi e spettacoli, in particolare nel mese di agosto la Notte di Fiaba, dove le acque del Garda verranno illuminate per quasi quaranta minuti da fuochi d’artificio. Consigliamo in quella data di soggiornare a Riva del Garda poiché sarà quasi impossibile trovare parcheggio e il traffico sarà molto intenso.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *