MENU
Girolibero

Le contrade di Cisternino

Italia, Itinerari, Puglia, Valle d'Itria • di

contrade cisternino_01_contrada figazzano_risultato
La Sagra delle Orecchiette in Contrada Caranna. Il Festival dei Sensi, che ammaliante, invade e pervade ogni contrada. L’ottocentesca Murgia dei Trulli rappresentata nel presepe vivente della bellissima Contrada Figazzano. La Sagra delle Polpette e Brasciole in Contrada Sisto. Il Museo del Clima in Contrada Caranna. La Sagra degli Gnummeredd e della Ciervellet in Contrada Marinelli. I Giardini di Pomona, Conservatorio Botanico di Biodiversità, in Contrada Figazzano. I vecchi mestieri del mondo contadino che rivivono nel presepe ambientato nell’antica Contrada Panza. La Sagra dell’Uva in Contrada Casalini. La specchia monumentale ed il bellissimo panorama della Valle d’Itria regalato da Contrada Specchia. Ed ancora: il Festival Internazionale Bande Musicali Valle d’Itria, il Festival Pietre che Cantano, il Festival Suoni Sacri e dal Pianeta, l’AlterFesta…
contrade cisternino_08_risultato

Insomma, non si può dire di aver visitato la Valle d’Itria, se non si è vissuto, anche un singolo, breve ma intenso istante, sospesi nel presente senza tempo nelle tante contrade, che come universi paralleli, si affollano e confondono placide intorno a Cisternino.
Farlo in bici poi, renderà tutto unico ed indimenticabile.
contrade cisternino_17_masseria montereale_risultato

Il fenomeno delle contrade in Valle d’itria, soprattutto nelle campagne di Cisternino e Locorotondo, ma anche a Martina Franca ed Ostuni, va oltre il significato classico dei termini frazione, quartiere o villaggio. Verso la fine dell’800 circa, il popolamento concentrato intorno a strade e terreni agricoli da parte di famiglie di contadini, ha sostituito il dominio che sino ad allora le masserie avevano esercitato nella gestione della vita che ruotava attorno ai processi produttivi della terra, dando vita a vere e proprie comunità con un forte senso di appartenenza, comunanza e territorio.

Mappa

Altimetria

contrade cisternino_altimetria
Traccia gps gps Mappa kml mappa

Il nostro itinerario parte da via Madonna del Soccorso, prima traversa a sinistra sulla Strada Provinciale 9, appena fuori dal borgo antico di Cisternino. La stradina asfaltata prosegue ed attraversa Contrada Femminamorta, Abate Mauro, Torre Susale e Montanaro. Dopo due svolte a sinistra, incrociamo prima la Provinciale 8, successivamente la SP 134. Ci lasciamo alle spalle Contrada Palmisano e Calabrese. Imbocchiamo ora via del Parco, segue via dei Trulli. Siamo al km 9, in Contrada Figazzano.
Qui Pomona, dea latina protettrice di orti e frutteti, ha trovato il suo regno sulla Terra.
contrade cisternino_28_trullo sovrano_risultato
contrade cisternino_05_risultato

La costante ricerca della “crescita” a tutti i costi, ha fatto sì che l’uomo, schiavo della frenesia dettata dallo sviluppo industriale, dimenticasse l’importanza che da sempre hanno per la sua esistenza, i ritmi dettati dalla natura, l’amorevole cura della terra, un’alimentazione frugale e non manipolata e l’utilizzo attento delle risorse, mettendo al centro di tutto il profitto a discapito della salute.

Dove dormire

corsi meccanica ciclistica

Su queste drammatiche premesse nascono nel 2004 “I giardini di Pomona”, Conservatorio Botanico di Biodiversità. Qui Paolo Belloni, fondatore della suddetta Onlus, ha raccolto oltre 800 varietà di antichi alberi da frutto sparsi per la nostra penisola. Di queste, oltre 220 della sola specie del fico comune. L’obiettivo è quello di tutelare il patrimonio tradizionale delle piante coltivate nel passato e quindi coniugare tra loro: la difesa della natura, la valorizzazione delle ricchezze culturali, il perpetuare delle tradizioni legate ai sistemi di conservazione ed alla cucina, il turismo, la didattica, l’economia, ecc.
contrade cisternino_18_i giardini di pomona_risultato
contrade cisternino_27_i giardini di pomona_risultato
contrade cisternino_16_i giardini di pomona_risultato

Ripartiamo immettendoci sulla SP 12, in Contrada Sisto, svoltiamo alla seconda traversa sulla sinistra, una stradina parallela a via Lecce, che poi incrocerà la strada Sor Luca e la strada Cicerone, sino ad arrivare in Contrada La Fica.
Dopo aver percorso la breve via Privata Giulio Perticari, con una sorta di inversione, sulla destra, scavalchiamo un tratto delle Ferrovie Sud Est ed in poche pedalate attraversiamo prima la SP 16 e poi superiamo Contrada Cavallerizza.
contrade cisternino_06_risultato

Siamo al km 25. Pedalando sulla SP 17, una dopo l’altra carezziamo, Contrada Casalini, Panza, Capitolo, Specchia, Padulamenta e Termetrio.
Da qui, prima contrada Lamacesare e poi strada Torre Bacchetta ci scortano in via Francesco Clarizia dove si conclude il nostro breve ma intenso tour per le meravigliose Contrade di Cisternino.
contrade cisternino_15_specchia monumentale_risultato

Per tutto il percorso, dolci vallate, brevi salite ed allegre discese hanno colorato il nostro incedere. I chilometri totali da percorrere sono 37 circa, su strade quasi sempre asfaltate e lontane dai flussi veicolari intensi. I primi 25 km mediamente in discesa. Nei successivi si tende invece a salire. Pendenze medie e massime, in positivo ed in negativo, lasciano poco spazio a dubbi o interpretazioni di sorta, non è proprio una passeggiata, ma neanche una randonnèe.
contrade cisternino_12_le montagne russe_risultato

Quello che invece non potranno mai raccontarvi grafici e profili altimetrici sono la gioia e la serenità che vi regaleranno il silenzio e la magia che aleggiano da sempre per queste vie… Anche quando dovrete per forza di cose alzarvi sui pedali. Pedalate per credere.
contrade cisternino_19_risultato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter


Privacy