La qualità dell'informazione online al tempo del clickbait selvaggio - Bikeitalia.it

La qualità dell’informazione online al tempo del clickbait selvaggio

13 Aprile 2022

La qualità dell’informazione online al tempo del clickbait selvaggio: siamo sommersi di link, i mass media si contendono la nostra attenzione puntando spesso su titoli acchiappaclick, l’infodemia nella quale siamo immersi rende difficile filtrare i contenuti e più le maglie della Rete sono larghe più è alto il rischio di pescare una bufala.

Questa riflessione nasce da un “pesce d’aprile” che abbiamo confezionato su Bikeitalia il primo aprile scorso: la famosa “sella uncinata” di Biniam Girmay che gli avrebbe fatto vincere la Gent-Wevelgem. Una bufala pubblicata in data 1 aprile, un’esca succulenta che abbiamo lanciato in Rete anche per mettere in guardia dalle fake news, come avevamo subito scritto nell’articolo svelando lo scherzo: “Che questo sia o meno il segreto della vittoria di Girmay non è dato saperlo, ma sicuramente possiamo dire che dovremmo tutti quanti prestare attenzione alle panzane (come questa) che vengono pubblicate il primo giorno di aprile“.

Clickbait

Incredibilmente – e con un ritardo di ben 11 giorni – questo nostro riuscito pesce d’aprile è stato preso per vero da una testata giornalistica che ci occupa di scommesse e di sport, che il 12 aprile 2022 ha pubblicato un dettagliato articolo in cui prendeva per buona la storia della “sella uncinata” e delineava gli scenari futuri per la carriera di Girmay. Lo ha segnalato a Bikeitalia l’attento collega Guido Rubino di Cyclinside, con un bel post su Facebook che riporto qui:

Ci risulta che l’articolo basato sul nostro pesce d’aprile, il cui link ora dà 404, sia rimasto online per circa 24 ore:

Questo episodio – seppur circoscritto e di nicchia – è indicativo di una deriva dell’informazione online che troppo spesso, per un pugno di click, non fa le adeguate verifiche o, peggio, diffonde scientemente notizie false soltanto per attirare lettori e rubare il loro tempo, esponendoli a banner di basso livello che abusano della credulità popolare. Questo incidente di percorso è capitato a una testata giornalistica (sì, ho controllato: è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma) basata sulle scommesse sportive.

Su Bikeitalia, fin da quando siamo online, per scelta non accettiamo – oltre alle pubblicità di automobili – alcun contenuto legato alle scommesse sportive e al gioco d’azzardo perché riteniamo che la ludopatia sia una malattia da sconfiggere. Cerchiamo di dare ai nostri lettori gli strumenti per comprendere un tema, approfondirlo linkando la fonte (verificata) e farsi la loro opinione informata.

Quanto è difficile cercare di fare informazione online al tempo del clickbait selvaggio.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti