Ciclovia del Volturno tra Molise e Campania

Ciclovia del Volturno tra Molise e Campania

ciclovia-del-volturnoSud, terre prospere, spesso dimenticate. Terre di molti piaceri, anche se spesso citate solo per i loro dolori. Una ciclovia le attraversa, una rarità che le percorre e le fa assaporare, nel modo migliore che si possa trovare: lentamente, in bicicletta.
Fortemente voluta, progettata, sostenuta, realizzata ed inaugurata nel 2011 dall’Associazione MTB&Trekking Volturno, la Ciclovia parte dalle sorgenti del Volturno in Molise, a 567 metri sul mare, e arriva a Capua, sul mare, in Campania.

Lungo stradine secondarie e campestri, costeggiando il fiume e incontrando tantissimi comuni, la Ciclovia del Volturno si percorre senza particolari difficoltà tecniche: prevalentemente pianeggiante, in leggera discesa dalla sorgente a Capua, con solo alcuni dislivelli accessibili (un po’ più sostenuti a Cerro al Volturno e Colli al Volturno, più lievi a Ruviano e Castel Campagnano.) si può completare senza problemi in un fine settimana.
La ciclovia non presenta piste ciclabili o corsie dedicate, ma il traffico in queste strade è stradine è talmente poco sostenuto da non rappresentare un problema.
Per questo è adatta ai ciclisti e cicloturisti, ma anche alle famiglie, e soprattutto, è adatta a tutti quelli che il Sud vogliono scoprirlo e sentirlo sulle loro gambe.

Il percorso parte in provincia di Isernia, nel Parco Nazionale d’Abruzzo. La prima parte si svolge su una stradina sterrata che costeggia il fiume Volturno per i primi 3 km, passando accanto agli scavi archeologici del paese di Castel San Vincenzo e proseguendo tra campi erbosi fino ad un piccolo guado.
Da qui, la ciclovia continua su strada asfaltata toccando i paesi di Cartiera, Pizzone e Cerro al Volturno.
Dai villaggi di Petrara e Valloni si snoda una stradina non più asfaltata e non in buone condizioni per circa 6 km fino al paese di Colli al Volturno. Da qui a breve riappare il fiume e seguendo le indicazioni si attraversa la diga di Ripaspaccata. Seguendo il percorso e lasciati alle spalle Taverna di Roccaravindola e Campo della Fontana si passa attraverso il Ponte dei Venticinque Archi, si raggiunge il bacino Enel di Capriati al Volturno e il Ponte del Re.

La ciclovia del Volturno prosegue e arriva alla SS 85 Venaframa, dopodiché, proseguendo per le stradine, si arriva a Vairano.
Siamo a circa 65 km dalla partenza e questo può essere considerato il punto di arrivo della prima tappa, non solo per le strutture che si possono trovare e i servizi bike friendly, ma anche per la facile raggiungibilità con i mezzi di trasporto (treno, auto, bus per arrivare da Napoli, Roma, Pescara).
Dopo la pausa si ricomincia il percorso e si incontrano, sempre attraverso stradine sterrate, i paesi di Raviscanina, S’Angelo d’Alife e Alife, Gioia Sannitica e Castel Campagnano.
Quando si raggiunge finalmente il ponte Annibale, si può dire di essere arrivati quasi al termine: in pochi km si arriva infatti al Ponte Romano sul Volturno di Capua, dove termina la ciclovia.

I paesaggi del sud, i suoi volti, il cuore pulsante di regioni d’Italia ricche di fascino e le due ruote come punto di vista privilegiato sono incorniciati da un fiume, il Volturno, che ha visto nella sua storia anche fatti importanti; per citarne due, la battaglia del Volturno a Capua e lo storico incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele a Vairano, alla “Taverna della Catena”.
Una ciclovia dunque che parla al cuore e alla mente, e che spero sia di buon auspicio per questi territori che meritano di essere valorizzati.

segnaletica-volturno

Mappa

Altimetria

altimetria-volturno

DATI TECNICI

Partenza: Rocchetta al Volturno (IS): loc. sorgenti del Volturno 567 m s.l.m.
Arrivo: Capua (Caserta) 28 m. s.l.m.
Lunghezza: 144,500 Km
Altitudine max.: 615 m s.l.m.
Dislivello totale: in salita 492 m; in discesa 1106 m
Tempo di percorrenza: almeno 2, un week-end
Fondo stradale: asfalto + sterrato
Segnaletica: presente segnaletica verticale
Difficoltà: medio-facile

Traccia Gps gps-santiago Mappa kml mappa

Traccia gps (Variante Torcino) gps-santiago Mappa kml (Variante Torcino) mappa
Sito ufficiale Roadbook completo in pdf pdf

Commenti

Un commento a "Ciclovia del Volturno tra Molise e Campania"

  1. Mario ha detto:

    Ho percorso lo scorso settembre la ciclovia del Volturno durante un C2C da Vasto a Gaeta. In se ha potenzialità enormi ed evidenzia uno sforzo di realizzazione enorme da parte di chi la ha voluta, mappata, tabellata. Presenta però problemi di non poco conto. Nella prima parte da Cerro a Volturno a Colli al V. presenta un tratto di alcuni km su una strada che un tempo fu asfaltata ma che ora è ridotta ad una traccia semisommersa dalla vegetazione al punto da non essere sempre percorribile se non MTB con discreta esperienza. Oltre Venefra, la traccia si inoltra nella campagna dove i cumuli di immondizia sono ovunque e rendono l’esperienza davvero penosa, alcuni tratti sono nel più totale abbandono, in molte stradine i trattori agricoli hanno inciso solchi profondi anche mezzo metro. Insomma non è adatta alle famiglie. Rispetto ed ammiro chi l’ha realizzata ma è un bene semiabbandonato, me ne dispiaccio perché amo il Sud ed amo pedalare al Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti