Pista ciclabile Adige-Po

Pista ciclabile Adige-Po

ciclabile-adige-po

Gli itinerari cicloturistici, in questo paese, non sono così diffusi come vorremmo. È anche per questo che è importante segnalare la nascita di un nuovo percorso ciclabile in Veneto, inaugurato ufficialmente il 5 maggio 2013.

Mappa

Altimetria

Altimetria-adige-po
Traccia gps gps Mappa kml mappa

Il percorso, della lunghezza totale di quasi 35 chilometri, unisce l’Adige al Po, attraversando la regione del Polesine e collegando il territorio del comune di Lendinara con quello di Polesella. Per circa la metà di questi chilometri si pedala lungo una pista ciclabile su sede propria; per il resto si seguono strade asfaltate con scarso traffico. La zona in cui si pedala è completamente pianeggiante, ed è particolarmente bella dal punto di vista paesaggistico, seguendo i canali dell’Adigetto, dello Scortico e il Canal Bianco.

Le sorprese positive non finiscono qui: l’itinerario infatti è anche completamente e chiaramente segnato; inoltre, è stato realizzato un ottimo sito con tutte le informazioni necessarie, dalla traccia gps, alle mappe, alla descrizione dettagliata del percorso e di ciò che si può visitare, come ad esempio la Villa Badoer a Fratta Polesine, o il castello Estense di Arquà Polesine.

Come si legge nel comunicato stampa della FIAB la realizzazione del percorso è il frutto della collaborazione fra i sindaci degli otto comuni coinvolti, usufruendo in gran parte di fondi europei e regionali; è significativo il fatto che i comuni sono retti da diversi partiti politici.

La pista ciclabile fra l’Adige e il Po può essere collegata ad altri percorsi vicini, per esplorare meglio queste zone: arrivati a Polesella, si può proseguire verso Rovigo e Venezia, seguendo Eurovelo 8, che volendo porta fino a Cipro! In alternativa, si può proseguire lungo il Po verso il mare, o al contrario verso Ferrara, da cui, sempre su EV8, si può esplorare tutta la pianura padana e oltre.
La speranza è che l’inaugurazione del percorso possa ispirare altri comuni a proporre iniziative simili, sfruttando al massimo i fondi europei che troppo spesso rimangono inutilizzati.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti