#salvaiciclisti, seconda vittoria

17 Febbraio 2012

Ieri è stata una giornata storica per molti punti di vista.

È stata storica perché tre ciclisti uccisi sulle strade in meno di 24 ore in inverno, non si vedevano da molto tempo: il primo è avvenuto a Monza, dove un uomo di 40 anni è stato travolto e ucciso, il secondo a Loreo (RO), il terzo a Milano, schiacciato da un camion. Per la cronaca, l’assassino di Loreo non ha ancora un nome perché si è dato alla fuga subito dopo l’impatto. I giornali lo chiamano pirata della strada, io lo chiamo criminale, perché non voglio che si crei la minima analogia tra la sua schifosa vigliaccheria e il brillante eroismo del vero pirata, Marco Pantani.

È stata storica perché ieri è iniziata la raccolta firme al progetto di legge che sarà depositato oggi in Parlamento. Il disegno di legge “salva ciclisti” che ripropone gli 8 punti del manifesto del Times ha ottenuto oltre 60 adesioni bipartisan: un risultato importante, ma di gran lunga inferiore ai 138 parlamentari sedicenti “Amici della Bicicletta” sui quali ci aspettavamo di poter contare. Il testo della proposta di legge e i nominativi dei parlamentari firmatari li potete trovare sul blog Rotazioni.

È stata storica perché per la prima volta nella storia Italiana, un’iniziativa popolare è approdata in Parlamento senza il sostegno di partiti, personaggi illustri o giornali, ma semplicemente attraverso una valida strategia di guerriglia mediatica e il tam tam sul web e, per giunta, in soli 10 giorni. Persone qualunque hanno costretto i giornali a parlare (in inverno!) di bicicletta e di sicurezza per i ciclisti e hanno fatto tanto rumore da svegliare la Camera dei Deputati e il Senato. Adesso iniziamo a registrare anche le prime reazioni da parte delle amministrazioni comunali: Pierfrancesco Maran, Assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano, ha rotto gli indugi e ha comunicato su Facebook che tra qualche giorno inizieranno a pedalare con #salvaiciclisti.

Proprio le amministrazioni comunali sono il nostro prossimo obiettivo: chiunque conosca anche solo un poco l’Italia sa bene che non è la mancanza di leggi che rovina il paese, ma la mancata attuazione di quelle che abbiamo. Il nemico da combattere per noi NON è l’automobilista, ma il lassismo di chi permette che sulle strade Italiane avvengano così tante infrazioni e che queste rimangano impunite.

#salvaiciclisti non è un’azione corporativista che vuole difendere una categoria a scapito di un’altra. #salvaiciclisti è soprattutto un segnale che proviene da tutti coloro che sono disposti a rimboccarsi le maniche e a dedicare il proprio tempo libero per il miglioramento della qualità della vita di tutti. Siamo straordinariamente tanti.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti