Il 3 giugno controparata a pedali

Il 3 giugno controparata a pedali

31 Maggio 2012

pimp-my-ride-600-webC’è un po’ di insana idiozia da parte di questo Paese e di chi lo governa nel mantenere in piedi una festa il 2 giugno e nel proclamare il lutto nazionale il 4 giugno. Prima si brinda (sobriamente) e poi si va ai funerali? A parte i soldi sprecati per una sfilata militare, a parte l’incongruenza di celebrare la Repubblica mettendo in mostra le armate, a parte l’incapacità di comprendere che si vorrebbe più bene all’Italia se questa nazione rinunciasse al suo appuntamento ai Fori, non si capisce proprio a chi e a cosa servano quell’appuntamento, quelle fanfare, quel luccichio di medaglie e stellette.

Personalmente ritengo che sia più sano ricordare la Repubblica con eventi come quello del Bike Pride del 3 giugno, prosecuzione torinese della manifestazione #salvaiciclisti ai Fori Imperiali del 28 aprile scorso. Il Bike Pride più che una parata, è una proposta. E’ il tentativo di dimostrare che è possibile puntare a città più vivibili, a far tendere a zero la mortalità sulle strade, a fare un investimento su modalità di trasporto utili alla collettività e non ai singoli individui. E se davvero abbiamo a cuore questa nostra Repubblica dobbiamo sforzarci davvero di ragionare nell’interesse di tutti. Questa è l’arma migliore a nostra disposizione, non quella che sfila in divisa davanti alla tribuna autorità.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti