Promuovere la mobilità ciclistica

28 Giugno 2013

mobilita-ciclistica

Spesso si crede che per attivare la mobilità ciclistica sia condizione necessaria e  sufficiente realizzare piste ciclabili, ma non è così.

In ambito urbano assieme alle corsie e piste ciclabili zone 30 estese consentono maggior sicurezza ai ciclisti, ma a fianco dell’infrastruttura (componente hard) che deve essere comunque di qualità, servono servizi, azioni di comunicazioni e politiche (componente soft) che aiutino i cittadini a cambiare abitudine orientandosi a stili di vita con meno auto.

In ambito extra-urbano le grandi infrastrutture ciclabili di lunga percorrenza, ciclopiste in sede propria o percorsi in sede promiscua su strade a basso livello di traffico, possono indurre una consistente ricaduta economico-turistica sul territorio; percorsi locali di minor interesse turistico possono comunque generare buon interesse nei residenti dei dintorni attivando stili di vita attivi, maggior salute tra coloro che le utilizzano e un attaccamento al territorio ed alla natura da parte dei residenti.

Il promotore della mobilità ciclistica non è un progettista, ma un soggetto esperto che sviluppa il marketing territoriale, fa sistema nel territorio costruendo relazioni che attivino e valorizzino la mobilità in bici. L’Università di Verona tramite il sottoscritto come coordinatore tecnico – didattico ha sviluppato nel 2013 un corso di formazione di 16 giornate su questi temi e detto corso verrà ripetuto nella primavera del 2014.

In questa rubrica svilupperemo di volta in volta aspetti diversi evidenziando le varie competenze ed illustrando alcune situazioni di successo.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti