Studio dell'Università di Nottingham: "indumenti catarifrangenti non aumentano la sicurezza"

Studio dell’Università di Nottingham: “indumenti catarifrangenti non aumentano la sicurezza”

7 Ottobre 2013

bici-catarifrangenti

Non ci sono prove che l’abbigliamento catarifrangente o fluorescente, o altri accessori distintivi portino ad un minor numero di incidenti in bicicletta. E’ questa la conclusione di uno studio effettuato dall’Università di Nottingham, in Inghilterra.
La ricerca ha confrontato i dati dei ciclisti coinvolti, e non, in incidenti stradali, classificandoli secondo parametri come le caratteristiche personali e la pericolosità del percorso. Dallo studio, che ha tenuto conto del contesto ambientale inglese, si evince i principali interventi di sicurezza “passiva” come indossare accorgimenti catarifrangenti o il casco, e avere molta esperienza di guida del mezzo, non significa necessariamente essere meno soggetti a incidenti. L’indagine sui campioni presi in esame non ha fornito prove sufficienti a dimostrare che l’abbigliamento catarifrangente faccia veramente la differenza: i risultati ottenuti non sono abbastanza significativi. Pertanto, la conclusione dei ricercatori afferma che non necessariamente questi accorgimenti portano ad una maggiore sicurezza per i ciclisti.

Commenti

Un commento a "Studio dell’Università di Nottingham: “indumenti catarifrangenti non aumentano la sicurezza”"

  1. Kevin Bruce Legge ha detto:

    Odio questi “studi”. Almeno i conducenti auto non “dovranno” usare la solita frase “Non lo visto”………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti