Dovevamo ancora andare lontano. Ma che importava, la strada è la vita. - Bikeitalia.it

Dovevamo ancora andare lontano. Ma che importava, la strada è la vita.

26 Gennaio 2015

jack-kerouac-on-the-road-shellorz_h_partb

1) THE SIDEKICKS – Runners in the Nerved World

La cosa che più mi ha colpito di questo album rock dai toni molto indie, vaporosi, con violini e voci melodiose, melense e riverberate, è la sua etichetta discografica. La Epitaph Records.
La Epitaph è stata fondata dal chitarrista dei Bad Religion negli anni ’90, e ha sempre rappresentato e preso sotto la sua ala i migliori gruppi punk rock del momento. Sono andato quindi a recuperare il primo album dei Sidekick, datato 2007, e ho scoperto un album semplicemente… punk rock! Tipo Millencolin per intenderci.
E negli album a seguire è avvenuta la trasformazione. Lenta, progressiva, album dopo album sempre meno punk e più.. più.. melodia.
Perchè? Perchè nella musica ci sta anche stravolgere il proprio stile, sfanculare creste verdi e abbracciare hipster mocassinati, dare il 5 alla moda del momento e ai trend e ai grafici in salita.
Vabbeh, l’album di per sè è piacevole, perfetto per un aperitivo a Venice Beach dopo una giornata di surf, prima di salutare i tuoi compagni baffuti.


2) THE HEART AND THE VOID – A softer skin

Un album che rimanda a Woodstock, all’america di Bob Dylan e Joan Baez, in viaggio sulla Route 66 seduto a fianco di Kerouac e Cassady su una fatiscente Cadillac verso le follie di Tijuana tequila sexo e marijuana.
E loro sono Italiani, accipicchia! O meglio lui, Enrico Spanu, cantautore sardo. Il disco è autoprodotto, scritto e suonato da Enrico, anche se si sente in alcuni pezzi come “Girl from the City by the Sea” la voce di Chiara, e tutto prende una forma magica.


3) BELLE & SEBASTIAN – Girls in peacetime want to dance

Dopo la svolta pop arriva la svolta dance, ed ecco uscire un album elettro-pop, che dopo nove album e diciannove anni di carriera ci può stare.
Il disco ricorda gli anni 80 dei Pet Shop Boys in “Enter Sylvia Plath” o in “The Party Line”, e anche se non è di sicuro il miglior album della band, è la conferma di una creatività ancora viva e molto fervida.


Se ti è piaciuto l’articolo, segui la playlist di CicloAtelier “Canzoni per la bicicletta”!!

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti