Le ciclabili “rubano” spazio? Guardiamo meglio…

26 Febbraio 2018

Una delle obiezioni più diffuse alla costruzione di piste ciclabili suona più o meno così: “se togliamo spazio alle auto per darlo alle biciclette si creeranno ancora più ingorghi, e i tempi di percorrenza in auto diventeranno inaccettabili”.

Spostare persone, non automobili

pista ciclabile Londra
Questa opposizione soffre di una fallacia molto diffusa: si tende a dimenticare infatti che l’obiettivo deve essere spostare persone, non automobili. Sono le persone che lavorano, acquistano prodotti e servizi, creano relazioni sociali.
Per cui è necessario quantificare il flusso di persone che transitano, non il flusso di automobili.
Da Londra provengono alcune statistiche e un esempio al riguardo.

Le Cycle Superhighways di Londra

Breve premessa: negli ultimi anni nella capitale britannica sono stati costruiti molti km di piste ciclabili molto larghe, separate e protette dal traffico veicolare. Sono note come Cycle Superhighways (CS). Per farle si è tolto spazio non ai pedoni, come troppo spesso accade da noi, bensì alle automobili.
Questo ha dato luogo a parecchie critiche per la città, accusata di concedere troppo prezioso spazio alle bici.
Qualcuno ha persino intimato a Traffic For London (l’agenzia per la mobilità) di pubblicare le cifre relative ai flussi di traffico: l’intento del richiedente era dimostrare che da quando ci sono le CS spostarsi a Londra è più difficoltoso.
I dati forniti da Tfl hanno mostrato l’esatto contrario.

Tfl afferma che, a parità di superficie stradale, le CS spostano una quantità 5 volte maggiore di persone rispetto alla sezione stradale dedicata alle auto.
In un determinato tratto di strada, la percorrenza media dopo la costruzione della CS è passata da 21 a 15 minuti.

Analisi di una foto

Non di sole statistiche vive l’essere umano. Ci piace anche guardarci intorno e usare i nostri sensi, per capire la realtà attorno a noi. Ma bisogna farlo con attenzione. Un esempio calzante ci arriva dal blog As easy as riding a bike, che ha pubblicato questa foto.
ciclabili e spazio
A prima vista sembrerebbe che i detrattori delle ciclabili abbiano ragione: tanto spazio “sprecato” per un pugno di ciclisti, mentre le auto sono incolonnate. Ma il blogger ci invita a guardare meglio, e a ricordarci che ciò che conta è il numero di persone che si spostano. Fra taxi senza clienti, e automobili occupate da una sola persona, il numero di persone spostate dalle due sezioni stradali è lo stesso.
E non vale l’obiezione di dire che ai ciclisti basterebbe meno spazio: è proprio perché la ciclabile è così ampia e protetta che le persone scelgono di usarla.
E infine, un video pubblicato sui social pochi giorni fa. Ancora Londra, nell’ora di punta. Quanto spazio occuperebbero queste persone, ognuna da sola nella sua automobile?

Commenti

2 Commenti su "Le ciclabili “rubano” spazio? Guardiamo meglio…"

  1. stefano ha detto:

    queste cose le ha recepite anche la sindaca di Parigi, la Hidalgo. Qui siamo indietro mille anni. Ma il punto è che questa analisi andrebbe pubblicata non qui (che tra noi ciclisti ce la suoniamo e ce la cantiamo), bensi su testate di informazione generalista

    1. Ciclista Sdraiato ha detto:

      Il problema delle testate generaliste è che sono piene zeppe di pubblicità d’automobili che sfrecciano nella natura incontaminata (e che in realtà, invece, arrancano nel traffico contaminando anche noi); quindi la vedo piuttosto dura. Al massimo ora si trova qualche articoletto che mostra qualcuno in bici, galoppante verso lo svolgimento delle faccende ti tutti i giorni, che di solito viene servito come “pezzo” di folclore, in modo piuttosto superficiale
      Voglio essere ottimista e pensare che sia un buon (discreto, va’!) inizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti