Francia: rimborso per chi va al lavoro in bicicletta

27 Gennaio 2012

soldi-lavoro-in-biciE’ stato rivelato ieri 26 gennaio il piano francese per lo sviluppo della mobilità ciclistica, durante il primo di una serie di incontri a tema già fissati: a presentarlo il Ministro dei Trasporti Hierry Mariani.

La novità assoluta del programma è la proposta di offrire una “indennità” economica, ma sarebbe meglio chiamarlo “premio”, per chi si reca al lavoro in bicicletta, con l’intenzione di incoraggiare il maggior numero di persone possibile a compiere questa scelta, nel nome della tutela dell’ambiente, della salute sua e nostra.

Il sistema di compensi da corrispondere ai dipendenti si ispira a quello che in parte già esiste in Belgio, e completamente finanziato dalle aziende.
Ulteriori misure in favore di chi usa la bicicletta sono già state prese, come quella recente di consentire la svolta a destra con il semaforo rosso.
Secondo una prima analisi i francesi sarebbero ancora diffidenti sull’uso della bici tutti i giorni, soprattutto per il traffico e la paura di essere investiti. “Su questo possiamo lavorare – sostiene il ministro – dobbiamo incoraggiare la gente ad andare in bicicletta e risolvere anche la piaga dei furti, e con il nuovo sistema elettronico di riconoscimento ci stiamo riuscendo“.

Oggi in Francia più della metà degli spostamenti quotidiani è inferiore ai 3 km, ma solo il 3% di questi avviene in bicicletta. Secondo il ministero dei Trasporti, usare la bicicletta fa risparmiare 5,6 miliardi di euro in spesa sanitaria. Fa bene al cuore e riduce le emissioni di CO2. “Se ogni europeo pedalasse 2,6 chilometri al giorno le emissioni di CO2 sarebbero ridotte del 15%“. Parola di Ministro.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Masterclass in Biomeccanica del Ciclismo
1.499
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti