MENU

Ciclisti e semafori rossi, il modello olandese

News • di 26 Ottobre 2012

semaforo-rosso-biciAll’inizio di quest’anno c’è stata grande attenzione attorno ad un provvedimento adottato a Parigi che, vista l’attualità del tema, ha fatto molto discutere anche qui in Italia. Il provvedimento in questione riguarda la possibilità per i ciclisti di svoltare a destra con il semaforo rosso, laddove indicato con un’apposita segnaletica.
Le testate di tutto il mondo hanno quindi riportato la notizia con grande enfasi, evidenziando come la capitale francese sia stata la prima grande città in Europa ad adottare una misura simile.

Tuttavia questa enfasi non ha contagiato tutti, in particolare, guarda un po’, gli olandesi, che non si sono lasciati sfuggire l’occasione per mettere qualche puntino sulle i.
Alcune interessanti considerazioni le ha fatte Mark Wagenbuur, ciclista urbano olandese che da anni segue la realizzazione delle infrastrutture e degli interventi legislativi del suo Paese in favore della ciclabilità, nonché blogger di Bicycle Dutch. Con la consapevolezza di chi la sa lunga in fatto di bici, Wagenbuur, dopo aver ricordato che un provvedimento analogo è stato introdotto anche in Belgio dal luglio 2011 (“forse Bruxelles non è una «grande città» come Parigi?“), e che comunque quello di Parigi è ancora un esperimento, perché testato su soli 18 incroci semaforici e per di più in zone già moderate dal traffico, dopo insomma aver invitato tutti a contenere l’esultanza, sottolinea che in Olanda la svolta a destra per i ciclisti in caso di semaforo rosso (con responsabilità del ciclista in caso di sinistro) è consentita già dal 1991, e che in Francia probabilmente hanno appena scoperto l’acqua calda.
I giornali hanno parlato di «misura radicale», ma siete sicuri che sia così?“, chiede Wagenbuur per il quale, evidentemente, non è così.

Non è così – spiega ancora il blogger olandese – perché in Olanda passare con il rosso in prossimità di una intersezione a T non solo è permesso dalla legge in presenza del cartello “Rechtsaf voor fietsers vrij” (consentita svolta a destra per i ciclisti)“, ma è un fattore messo in considerazione praticamente già dalla progettazione delle piste ciclabili che, a differenza ad esempio di quelle danesi, sono separate dalla strada in prossimità degli incroci consentendo quindi la svolta a destra in modo più che sicuro.
I ciclisti girano a destra col rosso ma probabilmente nemmeno se ne accorgono, così come non se ne accorgono gli automobilisti con i quali, tra l’altro, non si è mai instaurata alcuna polemica in proposito.

Secondo Mark Wagenbuur inoltre le aree interessate alla nuova misura adottata a Parigi, tutte zone con limite di velocità a 30 km/h, sono le meno idonee in assoluto. “In Olanda dovrete girare a lungo per trovare un incrocio controllato in una zona 30 in cui, in genere, i semafori non sono addirittura necessari“.
Concludendo, il blogger che la sa lunga in fatto di bici, per le prossime volte anziché inventarsi nuove strane sperimentazioni invita a prendere spunto dal sistema olandese, già in vigore in migliaia di incroci e perfezionato nel corso di decenni.
Di seguito un video interessante girato dallo stesso Mark Wagenbuur su ciclisti e semafori rossi in Olanda.

Ciclisti e semafori rossi in Olanda







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *