MENU
Fiera del Cicloturismo - bikeitalia.it

Perù: cicloturisti americani scomparsi da un mese

News • di 27 Febbraio 2013

cicloturistia-americani-peruNon danno più notizie dal 26 gennaio scorso. Jamie Neal, 27 anni, e il suo fidanzato Garrett Hand, di 25, erano con le loro biciclette in Perù, ma da ormai quattro settimane non si sa niente di loro. Il non aver pubblicato su Facebook, durante quest’ultimo periodo, alcuna foto dell’avventura in corso, non aver chiamato a casa i familiari per rassicurarli, e il telefonino staccato di lui, per ora stanno facendo temere il peggio.

Il Dipartimento di Stato americano ha diffuso oggi una foto della coppia, originaria di San Francisco, specificando che l’ultima volta che i due cicloturisti sono stati visti è stato il giorno 25 gennaio, nella città di Cusco, mentre a bordo di un autobus si apprestavano a raggiungere Lima.
Jamie e Garrett, entrambi impiegati in un negozio di biciclette della Bay Area di San Francisco, hanno intrapreso il viaggio in Sud America nel mese di dicembre e pedalato fino a quel momento attraverso Cile ed Argentina, prima di decidere di puntare al Perù, principalmente per visitare il sito archeologico di Machu Picchu. In un primo momento parenti e amici hanno sperato in qualche problema meccanico e nell’impossibilità di entrare in contatto con loro magari perché in una zona priva di segnale telefonico, ma dato l’arrivo della coppia in una grande città come la capitale Lima, previsto la mattina del 26, entrambe le ipotesi sembrano poco attendibili.

L’Ambasciata statunitense in Perù ha fatto sapere di aver già attivato le ricerche con la collaborazione delle autorità locali che, comunque, non hanno mai nascosto i rischi per i cittadini americani di subire rapimenti ad opera di bande criminali attive nella regione del Cusco e del Machu Pichu.
Le famiglie dei due cicloviaggiatori, nel frattempo, hanno rivolto un appello su Facebook cercando di farlo pervenire ai turisti americani presenti in Perù in questi giorni, nella speranza di ottenere qualche notizia.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *