Milano, questa campagna è una carezza, serviva un pugno

15 Marzo 2013

bici-ied

bici-libertaQuelle che vedete sono le realizzazioni finali selezionate per l’ultima campagna di comunicazione che intende promuovere l’uso della bicicletta tra i milanesi. La campagna è solo la prima fase di un progetto più ampio, chiamato Cyclocrazy, nato dalla collaborazione tra il Comune di Milano e lo IED, l’Istituto Europeo di Design, il cui obiettivo ultimo è “la costruzione di una visione condivisa sul tema della ciclabilità“.

Le immagini, realizzate da Veronica Maggi, Virginia Ottina e Francesca Ranieri, studentesse del Master in Pubblicità Art Direction & Copywriting, sono per ora dei bozzetti; nelle prossime settimane saranno sviluppati i layout definitivi e tra qualche mese saranno utilizzate dal Comune di Milano.
Ma andiamo a studiarle un attimo. Cerchiamo di capire se riusciranno ad assolvere il loro compito: convincere più milanesi ad andare in bici, magari sostituendola all’automobile.

1) Ci sono catene che ti regalano la libertà. Carino il gioco di parole. Fa pensare alla libertà di movimento della bicicletta, al poter evitare il traffico, circolare in area C, nel centro storico, alla libertà di non dover cercare parcheggio. Giusto, ma fin qui nulla di sensazionale. Non mi hai convinto, che sarà mai qualche minuto in più nel traffico, vuoi mettere la comodità dell’auto?
Ritenta, sarai più convincente.

2) Ci sono gomme che cancellano lo stress. Carino, anche il font con effetto gomma. Però l’hai già detto prima, lo stress non è altro che una conseguenza della scarsa libertà di movimento dell’automobile: è stressante cercare parcheggio, è stressante rimanere imbottigliati nel traffico ecc… Giusto pure questo, quindi, ma pazienza, mi farò venire qualche capello bianco.
Ritenta, sarai più convincente.

3) Ci sono raggi che mostrano Milano sotto una nuova luce. Questa è ancora più fiacca. A parte il riferimento e il gioco tra raggi/luce, davvero convincereste un automobilista ad andare in bici promettendo di “mostrare Milano sotto una nuova luce”? Cioè? Passando dagli abbaglianti alla dinamo?
Ritenta, sarai più convincente.

Ora il punto è: questa campagna di comunicazione porterà più persone in bici? Le immagini sono carine, ok, ma non colpiscono, non convertono. Stuzzicanti i giochi di parole, ma blando il messaggio, l’invito all’azione. Sono, come da titolo, una “carezza”. E invece serviva un “pugno”. Un messaggio forte, diretto, concreto. Per esempio: è mai possibile che con la crisi economica e i prezzi della benzina e di mantenimento dell’auto sempre più insostenibili per molte famiglie non sia venuto in mente di fare due conti in tasca? Dimmi quanto risparmio, se da domani mollo l’auto, dimmi che ammortizzo la crisi, dimmi quanti soldi metto da parte alla fine dell’anno, quantificameli, dimmi cosa mi ci compro: 10 bici, un viaggio, la cucina nuova? Fammi sognare, cacchio!

Ecco un esempio:

Uno-stipendio-in-piu

Le immagini dello IED sono più accattivanti nella grafica, ma questo, nel messaggio, non ha eguali. Usa la bici, avrai uno stipendio in più. Se poi allargate l’immagine, leggerete in basso la frase: “usando la bici invece dell’auto risparmierai un minimo di 1500 euro l’anno“.
Si tratta di una campagna di comunicazione del movimento #salvaiciclisti lanciata in rete lo scorso gennaio. Concetto chiaro, matematico, tangibile. Questo mezzo qua ti garantisce 1500 euro in più alla fine dell’anno, almeno. E ora pensa pure a cosa farne di quei soldi. Ora sogna.
A parte i soldi, comunque, argomentazioni più convincenti ce ne sarebbero state: ad esempio si sarebbe potuto accennare alla salute, ai benefici degli spostamenti attivi e alle malattie legate alla sedentarietà.
E invece no, ci dovremo “accontentare” di vedere “Milano sotto una nuova luce” e, al massimo, di sentirci ricchi dentro.

Aggiornamento ore 15: una precisazione. E’ ovvio che la “colpa” sia del Comune di Milano che ha fatto una scelta poco coraggiosa, non certo dello IED. Gli studenti hanno proposto una moltitudine di immagini con altrettanti messaggi, non si sarebbero potuti incentrare tutti sull’aspetto economico. Anzi, qualcuno ce n’era, ed era anche un ottimo lavoro che avrebbe sì meritato la selezione finale.

Commenti

6 Commenti su "Milano, questa campagna è una carezza, serviva un pugno"

  1. Dario Budelacci ha detto:

    Mi sento di difendere le mie ex-colleghe di master. La mancanza di coraggio non è stata la loro, in quanto in fase finale c’è stata la precisa richiesta modificare e quindi di stravolgere le prime proposte. Le tre ragazze si sono dovute adeguare alle richieste.

    Sebbene io preferissi quello che avevano proposto all’inizio, trovo che anche così la campagna sia molto bella.

    Molto spesso, nelle campagne sociali, si tende a dare il “PUGNO”. Quello di cui non ci si rende conto, è che aggredire, a volte provoca una reazione contraria.
    Una cosa semplice e pulita, che occupa poco tempo, ma che comunque fa riflettere, per me rappresenta bene il mondo della bici.

    1. Ciao Dario,
      ma non c’è bisogno di difenderle, la critica è per chi le ha selezionate, non per il loro lavoro.
      Anzi a me le immagini piacciono, l’ho scritto, un poster del genere me lo appenderei in casa, mi ci farei una maglietta anche, solo credo sia meno efficace per far crescere il numero di ciclisti rispetto a un messaggio che faccia leva sull’aspetto economico.
      L’opzione dell’aggressività che può scatenare effetto contrario ci può stare, vero, ma non è implicita di un messaggio che richiama ai soldi.

  2. marco ferrari ha detto:

    Anche secondo me una campagna incentrata sull’aspetto economico, soprattutto in questo momento, sarebbe stata molto più efficace.
    Ma non è tanto colpa dello IED, quanto piuttosto del committente, il Comune di Milano, che ha scelto questa. Perché parte del progetto è anche questa serie di manifesti, molto più “sottili”, che però fanno riflettere:
    http://www.behance.net/gallery/Cyclocracy-Campaign-for-Comune-di-Milano/5495273
    Quante tante cose, anche di lusso, ti puoi comprare con i soldi che ti prende un’auto? Peccato abbiano scelto la meno coraggiosa e speriamo che venga ripescata, magari da qualche altro comune.

    1. Ciao Marco, certo, non è colpa dello IED, l’immagine che dici tu infatti è ottima,peccato anzi non averla citata nell’articolo!

  3. marco ha detto:

    Poi c’è anche l’opzione che su Milano abbia più senso quel messaggio piuttosto che quello economico. A me la campagna piace, non credo che cambierà le sorti ciclistiche milanesi ma spero che sia il segno di un cambiamento della comunicazione: dai libercoli orrendi del Comune a uno studio fatto da professionisti. Insomma, una prima volta da incoraggiare.

    1. Ciao Marco, sì, l’esperienza è da incoraggiare, ma che abbia più senso questo messaggio rispetto a quello economico ho dei dubbi. Anche a me tutto sommato piace, le immagini sono carine da vedere, però mettendomi nei panni di uno che va in macchina non mi convincerebbero molto. Piuttosto sono curioso di sapere se qualche campagna incentrata sull’aspetto economico era tra quelle candidate ed è stata esclusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti