Jeanne, la maestra francese che gira l’Europa in bici

2 Maggio 2013

frida-viaggio-bici

Lasciare tutto e partire. Quanto volte abbiamo sognato di farlo? E se per molti rimane un sogno, una specie di “via di fuga” immaginaria nei momenti più difficili, ad altri invece riesce di trasformare questo sogno in realtà. Leggere i racconti di viaggio di queste persone è sempre affascinante, e ci permette di “viaggiare” un po’ anche noi.

Se un tempo chi partiva doveva limitarsi a qualche telefonata o cartolina ogni tanto, al giorno d’oggi è possibile raccontare in tempo reale a tutto il mondo le proprie imprese. È il caso di Jeanne Rivière, giovane insegnante di francese a Blâmont, un paesino della Lorena con poco più di mille abitanti. Jeanne è anche musicista (suona il pianoforte e il violoncello), pittrice e naturalmente ciclista. In questi giorni, la ragazza sta compiendo un giro in bici nel cuore dell’Europa, della lunghezza stimata di circa 7500 chilometri.

Leggendo ciò che scrive, e ciò che afferma in alcune interviste, Jeanne sembra un tipo determinato e sicuro di sé: “Faccio questo solo per me stessa; non è un’impresa sportiva, né una sfida, meno ancora una terapia. Non ho alcun sponsor, sono libera. Quello che faccio è alla portata di tutti”, anche se aggiunge che “c’è bisogno di resistenza, di forza di volontà e di accettare di vivere nella semplicità”.

La ragazza ha alle spalle diversi viaggi di alcune settimane in bici, nei Paesi Bassi, in Danimarca e in Olanda, anche se non erano mai stati lunghi come questo, che la terrà in bici per circa cinque mesi secondo le sue previsioni. È sempre interessante sapere qualche cosa sull’equipaggiamento scelto da persone esperte: Jeanne ha pubblicato sul suo sito un simpatico disegno (in foto sopra) di Frida (il nome che ha dato alla sua bici) e di ciò che vi ha caricato sopra. Consultandolo si scopre che Jeanne non aderisce alla filosofia del cicloturismo “leggero”: fra gli oggetti disegnati si trova infatti un computer, dei pennelli e dei colori, oltre agli accessori più consueti.

E i suoi alunni? Jeanne ha deciso di coinvolgerli nella preparazione del viaggio, mostrando il percorso che farà e discutendo di tutte le questioni organizzative. Alcuni di loro pare fossero molto preoccupati dal fatto che la loro maestra dovesse stare tutti questi mesi senza televisione.

Partita da Blâmont a inizio marzo, Jeanne ha seguito il percorso di Eurovelo 5 fino a Piacenza, per poi continuare, con qualche variazione, lungo Eurovelo 8 fino a Chioggia. Da lì è tornata indietro, passando più a nord per Verona, fino ad arrivare a Bolzano e Bressanone, per poi sconfinare in Austria. Al momento, Jeanne si trova nelle vicinanze di Praga, e prevede di continuare fino ad Amburgo, e lì decidere se entrare in Danimarca o se tornare direttamente in Francia passando per Olanda e Belgio. Come accennato, l’impresa della giovane insegnante può essere seguita quasi in tempo reale sul suo blog.

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti