Stefano Cucca, dall’ufficio al giro del mondo in bici

5 Giugno 2013

stefano-cucca

Stefano Cucca, trentaquattrenne consulente strategico e docente di management, partirà sabato 8 giugno da Sorso, cittadina in provincia di Sassari di cui è originario, per un giro del mondo in bicicletta. In programma ci sono 30 mila chilometri ed il passaggio per tutti e cinque i continenti. Prime pedalate attraverso la Sardegna per arrivare a Cagliari, da qui un passaggio per la Sicilia in barca a vela per poi risalire l’Italia e visitare comunità, ecovillaggi, condomini solidali e cohousing. Dopo l’Italia sarà la volta della Svizzera, la Germania e il nord Europa con i tanti esempi legati al risparmio energetico, al riciclo, le fonti di energia rinnovabili, per arrivare in Islanda in agosto. Dall’Islanda si arriverà in Canada a settembre e quindi negli Stati Uniti: Da San Francisco in Giappone, Cina, Australia, Nuova Zelanda, Madagascar, Sud Africa per poi rientrare dalle porte dell’Oriente ad Aprile, Turchia, Grecia, Europa dell’Est e rientrare in Italia più o meno il prossimo giugno. A dare il via all’impresa, la mattina di sabato, sarà il suono della tromba del jazzista Paolo Fresu.

Non sto scappando – ha spiegato ieri mattina in una conferenza stampa – voglio solo vedere se un altro mondo, più sostenibile, è possibile: capire, raccogliendo esperienze e racconti, se è possibile rallentare. Non è necessario fermare la tecnologia e il progresso ma trovare un equilibrio con noi stessi e con tutto quello che ci circonda. Perché nella vita non bisogna mai smettere di sognare“.

Il nome dell’avventura, Rumundu, ha un’origine particolare: “è opera di mia nonna – spiega Stefano -, un giorno, al rientro da un viaggio, mi chiese con la sua novantenne serenità ‘ma tu sei sempri in giru pa’ ru mundu?’. E da quel giorno Rumundu è stato”. Sabato la partenza: si comincia attraversando Nurra, Meilogu, Planargia, Campidano, Marmilla, Trexenta, Gerrei per poi arrivare a Cagliari. Dal capoluogo si cercherà un passaggio per la Sicilia a bordo di una barca a vela per risalire l’Italia e visitare comunità, eco villaggi, case ecologiche, condomini solidali, cohousing, orti urbani. Sarà solo l’inizio di un lunghissimo viaggio.”

Stefano Cucca racconterà il suo giro del mondo in bici nel blog rumundu.com e attraverso la pagina Facebook, dove poche ore fa Stefano, sempre più vicino alla partenza, ha espresso le sue sensazioni.

Mentre ascolto Big Jet Plane di Angus and Julia Stone, ripenso a quanto accaduto oggi…
Dopo la conferenza stampa è stato un tam tam continuo tra facebook, mail, instagram, twitter, sms, chiamate e interviste varie. Dall’Ansa alla Nuova Sardegna passando per la redazione di Marenostrum dove ho passato alcune ore a riflettere e chiacchierare del progetto ora mi rendo conto di essere veramente stanco.
Messaggi dove persone che non conosco mi hanno offerto ogni tipo di supporto.
Da Natasha che si rende disponibile per ospitarmi a Verona per raccontarmi le sue esperienze sostenibili, a Laura che mi propone di fare una raccolta fondi durante il suo matrimonio molto particolare a chilometro zero da ogni punto di vista, a Eleonora che rimarrà in Sardegna fino ad agosto e mi darebbe la sua stanza a Strasburgo fino agli inviti ricevuti per quando sarà a Toronto, Boston, New York, Como, Cagliari etc etc
Sarà difficile rispondere a tutti ma proverò a farlo.
Ringrazio tutti di cuore perché si sente una bellissima energia.
Domani venderò la mia auto e sistemerò le ultime cose per la partenza.
Sognatori saluti.
Grazie di cuore a tutti.

Stefano

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti