Normalità della bici in città, l’esempio cinese moderno

4 Agosto 2014

wpid-wp-1407147437457

wpid-wp-1407149425418

Domani mi imbarco per Osaka e lascio Shanghai, che insieme a Pechino è stata la mia unica esperienza cinese. Propongo dunque qualche mia impressione sullo stato dello spostamento personale nelle due più grandi città cinesi.

1) La bici, qui, è un mezzo assolutamente normale, né meno né più degli altri. La prova è che le è vietato l’accesso nelle aree pedonalizzate come se fosse un’automobile; ma ha uno spazio indicato -e a volte protetto, per l’intrinseca fragilità dell’insieme uomo/mezzo- su ogni lato di ogni strada. Spazi che valgono anche per i motorino, i tricicli e i carretti, sempre per lo stesso motivo.

wpid-wp-1407148163237

wpid-wp-1407148252818

2) La bici può quasi tutto, come i taxi peraltro (che però non usano il controsenso perché larghi). Ha solo un predatore naturale, l’autobus, che domina incontrastato le strade. I taxi inoltre seguono le stesse regole di traiettoria delle bici e bisogna evitare di intersecarsi.

3) Andare di notte senza luci è normale e gli altri se lo aspettano. Questo perché il numero immenso di motorini elettrici lo favorisce: hanno l’abitudine di non accendere le luci per risparmiare energia. È un dato di fatto compreso e avallato da tutti, e le luci diventano d’un tratto inutili.

wpid-wp-1407149363519

wpid-wp-1407149374383

4) Il rispetto automobilistico per le bici è piuttosto alto. Non come in Svizzera o nei paesi del nord Europa, ma simile anche se diverso. Deriva, secondo la mia sensazione, non da una nuova educazione stradale ma al contrario da una antica. Qui la bici non ha mai smesso di esistere su strada, e la sua presenza è un dato di assoluta normalità, che non induce comportamenti concorrenziali o peggio di stampo direi xenofobo: tutti ne hanno una e hanno amici e parenti che la usano. Il ciclista insomma non è l’estraneo.

5) Avere una targa in Cina è una lotteria, nel senso letterale del termine. Oltre a costare molto, la targa viene estratta a sorte ogni due mesi, pare che la quota di vincitori sia di uno su mille, grossomodo. Non assicuro l’esattezza di questa informazione, che mi deriva da semplici chiacchiere con chi ho incontrato.
Il che comunque vuol dire che l’intenso (ma fluido) traffico veicolare potrebbe essere immensamente peggiore.
È un’idea che andrebbe consegnata agli amministratori italiani, se ce ne fossero ancora di vivi.

Fonte | escoafareungiro

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.499
Acquista
Meccanica Base 1
149
Acquista

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti