MENU
viaggi girolibero

Cicloturisti scalatori sulle Dolomiti

Diari • di 24 Novembre 2015

Primo giorno

Questa estate al’arrivo di Acheronte, l’infernale anticiclone africano che non ha dato tregua al caldo salariale, il collega ed io decidiamo di fare una 4/5 giorni di biciclettata sulle Dolomiti.
Partiamo e via, senza programmare nulla decidiamo in automobile mentre raggiungiamo le vette di fare subito il primo giorno i Quattro Passi.
Passo Pordoi – Passo Sella – Passo Gardena ed il Passo campo Longo.
Salite storiche del ciclismo salite che ti lasciano i polmoni a terra ma gli occhi si illuminano di mille scenari che solo questi luoghi ti sanno offrire.
Archiaviamo la prima giornata con un dislivello pazzesco per un cicloturismo 2.500 metri di dislivello e circa 60 Km.

dolomiti-bici-1

Secondo giorno

Il secondo giorno di sgambate decidiamo di partire da Canazei e salire al Passo Fedaia, la Marmolada insomma, una salita veramente emozionante, vedere il ghiacciaio eterno avvicinarsi sempre più a colpi di pedali è bellissimo, è però veramente triste vedere quanto questo si sia ritirato da quando non salivi più sulla perla delle Dolomiti.
Ma non abbiamo tempo scendiamo e ritorniamo sul Passo Sella, alla città dei sassi e qui ovviamente arrampichiamo tutto il pomeriggio, i miei occhi si fermano su 3 stelle alpine, non le avevo mai viste dal vivo e quasi non mi accorgo che sta per sopraggiungere un temporale infernale.

dolomiti-bici-2
dolomiti-bici-3

Terzo giorno

Il terzo giorno ci trasferiamo ad Auronzo in Cadore, altro scenario meraviglioso e da li decidiamo di salire sino al passo Tre Croci, un percorso abbastanza lungo sono 55 km o giù di li lo facciamo in poco tempo purtroppo, il trasferimento ci ha portato via molte ore di luce,ma anche qui il percorso nella strada delle dolomiti mi lascia e ci lascia senza parole. Consigliamo a tutti di farlo merita veramente la pena di essere pedalato.

dolomiti-bici-4

Quarto giorno

Il quarto giorno, tra tutti crediamo sia stato il più faticoso e forse per questo il più emozionante, partiamo da Auronzo sino al lago di Misurina e questo basterebbe per aver emozionato la nostra giornata, ma da qui dalla cornice di questo Lago decidiamo di salire e fare un percorso epico, da Misurina proseguiamo ed andiamo sulle 3 Cime di Lavero, sono solo 7 km ci ripetiamo ad ogni tornante ad ogni salita che ha pendenze costanti attorno al 16%, sono solo 7 sudatissimi km, il mio ricordo a distanza di tempo sono gli “Alè Alè” che echeggiano di tedesche francesi italiano e chiunque fosse li in quel momento, sono l’abbandono e la salita a piedi di molti ciclisti.
Ricordo ancora gli odori della strada, ogni goccia di sudore che scende per arrivare al rifugio.
Ma tutto questo svanisce in un attimo arrivati in cima e da li facciamo il percorso delle 3 cime.

dolomiti-bici-5

Questa giornata insieme alle altre 3 basterebbero per stroncarci, ma il quinto giorno ne abbiamo ancora per affrontare il Giau e qui abbiammo solo dei filmati.

Filmati che abbiamo unito e da cui è nato un video trailer che spero possa farvi divertire.

Cicloturisti Scalatori







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *