Cima Grappa in bicicletta

23 Dicembre 2015

cima-grappa-bici

Decidiamo di salutare questo autunno a modo nostro, e per farlo saliamo sino in cima grappa percorrendo una vecchia strada mai trafficata. Partiamo che è dicembre e ovviamente saliamo da uno dei versanti più difficili, versante usato dai nostri soldati durante la grande guerra per portare i rifornimenti nelle trincee e nei posti teatro di sanguinose battaglie. Saliamo dal Salto della capra che in 8 Km fa 1.000 metri di dislivello, le pendenze sono assurde e gli ultimi 4 Km costantemente sopra il 20%.

cima-grappa-bici-3

Dopo 3 ore di salita io non mangio nulla, la strada non perdona e vengo colpito da crampi indescrivibili, inizio a nutrirmi e camminare, evito di salire in bici. Arriviamo al salto della Capra e buchiamo le nuvole come due aeroplani: da qui il panorama è mozzafiato, un panorama che solo il Grappa ti sa offrire in inverno. Percorriamo strade fantastiche scavate nella roccia, non c’è nessuno a parte uno stambecco che ci sbuca davanti a 2 metri da noi, vediamo trincee teatro di sanguinose battaglie ed arriviamo a Cima Grappa.

cima-grappa-bici-2

Abbiamo percorso 32 Km di salita da zero a quasi 1.900 metri, abbiamo visto scenari che solo questa natura ti sa offrire. Nemmeno il tempo di bere qualche cosa di caldo che è già tardi, sono le 15:00, tra un po’ fa buio e la macchina è a 42 Km di distanza. Scendiamo dalla normale e in meno di 40 minuti siamo a valle e via verso l’auto.
Un percorso fantastico da fare, lo consigliamo a chi è preparato perché non ti lascia scampo, in questo periodo le discese all’ombra sono ghiacciate, ma ti lascerà un senso di pace indescrivibile.

Pagina Cicloturisti scalatori

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti