Bike 2 Work Day, a Roma con BIISY - Bikeitalia.it

Bike 2 Work Day, a Roma con BIISY

11 Maggio 2016

BIKE_2_WORK_DAY_COVER

Bike to work, che passione.Una giornata con iniziative ad hoc per promuovere gli spostamenti in bici nel tragitto casa-lavoro: giovedì 12 maggio torna il Bike 2 Work Day, evento per diffondere la cultura ciclistica in città. A Roma la manifestazione è organizzata dai Ciclomobilisti, che per l’occasione vogliono spronare “a tirar fuori dalle cantine, dai ripostigli e dalle soffitte le vostre bici per usarle insieme a noi per andare al lavoro, a scuola, all’università, a fare la spesa, all’ufficio postale, in banca, in un ideale gemellaggio con l’evento della San Francisco Bay”.

E per l’edizione di quest’anno del Bike 2 Work Day, a Roma c’è anche una novità per cercare i percorsi più bike-friendly: l’app BIISY, un trip-planner gratuito che consente di muoversi meglio in città sfruttando il trasporto intermodale (bici + trasporto pubblico + percorsi a piedi) e che durante il tragitto suggerisce anche i punti di interesse. BIISY inoltre aderisce e invita a partecipare i propri utenti all’ECC – European Cycling Challenge – la sfida europea dei ciclisti urbani in corso per tutto il mese di maggio: sono in competizione 52 città – di cui 11 italiane – e Roma è attualmente (11 maggio 2016, ndr) al quarto posto assoluto in classifica.

biisy

Tra le varie iniziative organizzate per il Bike 2 Work Day, a Roma giovedì 12 maggio si terrà anche un convegno organizzato dall’ISPRA (istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) per promuovere la mobilità sostenibile: una giornata rivolta a chi è interessato a venire al lavoro in bicicletta, ai mobility manager degli enti pubblici, agli architetti e agli ingegneri. Anche a questo appuntamento sarà presente BIISY: nel corso della mattinata di studio saranno approfonditi diversi temi, tra cui quelli emersi dalle recenti novità normative del Collegato Ambientale e della circolare INAIL 14/2016: novità che rafforzano il riconoscimento della figura professionale del mobility manager e in particolare riferimento alla mobilità ciclistica comportano il riconoscimento dell’infortunio in itinere per la bicicletta come mezzo necessitato. Ne consegue la necessità che i dipendenti che si recano al lavoro in bicicletta e i  professionisti e loro collaboratori delle aziende e degli enti, che operano nel campo del mobility management siano a conoscenza e, nel caso dei mobility manager, possano informare le amministrazioni circa il contesto normativo e di mobilità urbana in cui inserire le loro proposte.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti