MENU
viaggi girolibero

10 cose che forse non sapete su Amsterdam e la bici

News • di 23 Novembre 2016

bici-amsterdam

1. La trasformazione in “città della bici”

Fino agli anni ’60 Amsterdam era una città ad alto tasso di motorizzazione. L’elevato numero di morti per incidentalità stradale, in particolare bambini, ha scatenato agli inizi degli anni ’70 le proteste della cittadinanza che, insieme al contesto storico favorevole (crisi del petrolio), hanno convinto il governo nazionale a cambiare rotta in tema di mobilità e a puntare sulla bicicletta, rendendo Amsterdam la capitale della bici che oggi tutti conosciamo e invidiamo.

2. Noleggio

Noleggiare una bici ad Amsterdam è facile ed economico. Il principale punto di noleggio si trova a due passi dalla stazione centrale e molti altri sono sparsi in tutte le zone della città.

3. Uso della bici

Nel centro di Amsterdam, circa il 60% degli abitanti si sposta quotidianamente in bicicletta.

4. Numero di bici in circolazione

Si stima che ad Amsterdam ci siano in circolazione un milione di biciclette, a fronte dei poco più di 800 mila abitanti.

5. L’edificio più fotografato

Amsterdam è una città ricca di musei, dal museo di Van Gogh al Rijksmuseum, ma forse non tutti sanno che l’edificio più fotografato della città è il maxi parcheggio bici della stazione centrale.

6. Rapporto bici-auto

Ad Amsterdam il numero di biciclette in circolazione è quattro volte superiore al numero delle auto.

7. Piste ciclabili

Amsterdam è coperta da una rete di piste ciclabili di 400 chilometri. Esse connettono ogni parte della città e consentono a chi si muove in bici di farlo in estrema sicurezza.

8. Furti

Ogni anno si stima che vengano rubate ad Amsterdam circa 10 mila biciclette, per cui se doveste andarci occhio a legare bene la vostra.

9. La bici più popolare

Il 60% dei cittadini di Amsterdam si muove in bici regolarmente, e il modello di bici più popolare in città è la “omafiets” (“la bici della nonna”), a dimostrazione che gli olandesi non sono dei “fanatici” del mezzo ma piuttosto dell’uso che se ne può fare.

10. Investimenti

Tutto questo ha un costo, che ovviamente si traduce in benefici per la collettività, e il Comune di Amsterdam non si tira indietro per quanto riguarda gli investimenti per la ciclabilità. L’ultimo piano di spesa, dal 2015 al 2019, ha previsto lo stanziamento di 120 milioni di euro per l’ammodernamento della rete ciclabili, la manutenzione e la realizzazione di nuovi parcheggi bici.

Tratto da www.dutchcycling.nl







Una risposta a 10 cose che forse non sapete su Amsterdam e la bici

  1. A.D. ha detto:

    Ricordo ancora con piacere un viaggio ad Amsterdam di dieci anni fa: affittammo una bellissima house-boat, ormeggiata lungo un canale, e quattro bici con freno a contro-pedale con cui per tre giorni girammo in lungo e in largo tutta la città: la sera portavamo a bordo del barcone le bici per evitarne il furto. Ricordo l’esatta sensazione che le strade fossero pensate ( ed usate!) per i pedoni ed i ciclisti, e soltanto se la loro larghezza lo consentiva anche per gli automobilisti. Tra mezzi pubblici su rotaia silenziosi ed efficienti e un fiume di biciclette i pochi che si ostinavano a muoversi in auto sembravano ( e forse sentivano di esserlo!) dei corpi estranei nel tessuto urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *