Settimana europea della mobilità sostenibile, ma non per i bambini

21 Settembre 2017

Riceviamo da Massa Marmocchi Milano, e volentieri pubblichiamo:

massa marmocchi

Questa è la settimana (europea) della mobilità sostenibile. A Milano forse non ce ne siamo tanto accorti, anche per la concomitanza con la settimana della moda e altri eventi, ma tant’è: dovrebbe essere il momento per coinvolgere tutti in modo positivo sui temi della mobilità attiva e sostenibile.

È la settimana della mobilità sostenibile e noi di Massa marmocchi non siamo segnalati tra l’elenco di partner del Comune di Milano.

Non ci siamo – per la prima volta dopo anni di collaborazione – perché non ci riconosciamo in questo approccio di facciata e testimonianza al tema generale della mobilità sostenibile e a quello particolare della mobilità di bambini e ragazzi.

Come si può notare scorrendo l’elenco delle iniziative (attività sulle quali il Comune di Milano non investe praticamente nulla) non c’è niente che riguardi la mobilità dei bambini. Non c’è niente sulla mobilità scolastica.

O, meglio, una cosa c’è: la festa per il Pedibus. Ma senza il Pedibus. Già, perché la mobilità sostenibile e le buone pratiche sono una tale priorità che quest’anno il Pedibus non è partito. Pare per un tema tecnico di bandi che non sono ancora stati pubblicati, ma tant’è: facciamo una festa per il Pedibus, senza il Pedibus.

Ecco, noi rispetto a questo approccio ci sentiamo un corpo estraneo. Ma c’è di più: a luglio avevamo chiesto all’assessorato alla Mobilità di usare questa occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile per portare avanti la politica delle scuole car-free in qualche scuola di Massa marmocchi. Almeno in qualche scuola, almeno per questa settimana. Almeno per qualche giorno. Non siamo riusciti ad avere nemmeno quello, per un tema di costi (i vigili che avrebbero dovuto chiudere le strade e gestire i flussi).

Anche iniziative di reale incentivo all’uso dei mezzi pubblici (un biglietto Atm gratuito almeno un giorno di questa settimana?) non si possono realizzare perché costano.

Certo: le politiche ambientali costano. Ricordiamocene anche in occasione della prossima “emergenza” smog. Magari andando a misurare l’inquinamento davanti a una di quelle scuole che “costa troppo” chiudere al traffico anche solo per qualche giorno all’anno.

Massa marmocchi

PS: ovviamente noi la Settimana europea della mobilità sostenibile la festeggiamo come sempre, con le nostre pedalate quotidiane verso le scuole.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti