Le strade davanti alle scuole di Monza, tra eccessi di velocità e guidatori distratti dai cellulari

22 Aprile 2019

Secondo una rilevazione dell’istituto Mosè Bianchi di Monza, il 13% degli automobilisti in transito davanti alle scuole utilizza lo smartphone alla guida, picchi di velocità di 74 km/h e il modello Friburgo da perseguire.

Venerdì 22 Marzo alle ore 16 gli studenti della terza CAT (Costruzioni Ambiente e Territorio) dell’Istituto Mosè Bianchi di Monza hanno effettuato dei rilevamenti sul traffico veicolare lungo le vie Felice Cavallotti e S. Maria Pelletier, prossime ai cancelli dell’istituto scolastico.
L’iniziativa rientra nel programma del progetto Mo.Bi.Scuo.la promosso da Fiab Onlus (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e realizzato con la collaborazione di Bikenomist srl (azienda di consulenza e comunicazione sui temi della mobilità ciclistica) e del Comune di Monza che da Settembre sta coinvolgendo gli studenti. Il progetto finanziato dal Ministero dell’Ambiente nasce per promuovere forme di trasporto alternative all’auto privata, sostenibili ed efficienti, con particolare riguardo ai tragitti casa-scuola e casa-lavoro.

Scuole_Monza

I rilevamenti sono stati effettuati da piccoli gruppi di studenti che attraverso l’utilizzo di una laser gun per il rilevamento delle velocità e dei contatori hanno potuto farsi un’idea, dati alla mano, dei vari spostamenti che avvengono nell’area attorno alla scuola.

L’esperienza si è svolta considerando in particolare quattro tematiche: velocità delle auto, numero di passaggi di automobili, numero di passeggeri per veicolo e numero di automobilisti che utilizzano lo smartphone alla guida.

Le analisi del traffico hanno riguardato 379 auto totali, per una durata di circa 40 minuti.

I risultati ottenuti dall’indagine sono molto chiari: durante le fasi di rilevamento della velocità circa il 10% delle auto ha superato il limite massimo consentito (50km/h in ambito urbano), toccando punte di velocità pari a 74 km/h.

Il tasso di occupazione medio rilevato è di 1,3 passeggeri per veicolo, inoltre è emerso che in via Pellettier il 13,8% dei conducenti utilizza il cellulare alla guida, mentre in via Cavallotti il dato è del 12,8%.

Una volta rientrati in classe gli studenti hanno evidenziato ulteriori aspetti qualitativi: durante il rilevamento delle velocità, le uniche auto che rispettavano i limiti erano quelle che vedevano il proprio percorso intralciato da altre auto in sosta vietata a bordo strada o dal semaforo a chiamata posto all’intersezione con il Canale Villoresi. Quando non erano presenti ostruzioni, la quasi totalità dei conducenti infrangevano i limiti di velocità.

Paolo Pinzuti, CEO di Bikenomist e responsabile del progetto, ha sottolineato l’importanza dell’esperienza formativa ed evidenziato: “Il rilevamento effettuato a Monza è lo specchio di una realtà ampiamente diffusa in tutta la penisola: la mancanza totale di rispetto per i limiti di velocità in ambito urbano. È inaccettabile che chi transita davanti a una scuola in pieno giorno possa sentirsi in diritto di infrangere i limiti di velocità. È arrivato il momento che il Parlamento italiano liberalizzi l’uso degli strumenti per il rilevamento delle velocità davanti alle scuole in modo da sanzionare opportunamente chi mette in atto comportamenti pericolosi e antisociali”.

Scuole_Monza

A distanza di una settimana, la classe ha partecipato a un viaggio d’istruzione di tre giorni nella città di Friburgo, capitale verde della Germania, dove la mobilità sostenibile è favorita attraverso un efficiente sistema di trasporto pubblico e una rete diffusa di percorsi ciclabili.
Il viaggio di istruzione si è concentrato in particolare sulle scelte urbanistiche del centro e dei quartieri residenziali di Vauban e Rieselfeld in cui gli abitanti possono godere di abbondanza di spazi pubblici destinati alla convivialità e al gioco grazie a strade in cui lo spazio è sottratto alle auto e restituito ai cittadini.

Gli studenti che hanno partecipato alla gita si sono mostrati piacevolmente colpiti dall’organizzazione della città, dal limitato numero di automobili in circolazione e dalla qualità dell’aria, chiedendosi come sia possibile replicare il modello Friburgo anche in Italia, in particolare a Monza.

Scuole_Monza

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti