Il mondo pedala di più: +6% secondo il Worldwide Cycling Index. E in Italia? - Bikeitalia.it

Il mondo pedala di più: +6% secondo il Worldwide Cycling Index. E in Italia?

26 Luglio 2019

I contatori di ciclisti di Eco-Counter hanno rilevato un aumento nell’uso della bici nel mondo nel 2018 rispetto agli anni precedenti.

Eco-Counter è un’azienda che produce e installa rilevatori automatici del passaggio di ciclisti. Contare i ciclisti è operazione fondamentale: se una città ha come obiettivo l’aumento dell’uso della bici, è solo in questo modo (scientifico, e non spannometrico) che si può capire se le politiche messe in atto stanno funzionando o meno.

Ogni anno, Eco-Counter pubblica un rapporto (Worldwide Cycling Index) in cui presenta i dati rilevati dai suoi contatori sparsi in giro per il mondo (ce ne sono 3266 in 39 paesi). Il rapporto 2018 è stato presentato il mese scorso a Montréal, in occasione del Wellbeing Cities Forum, un appuntamento organizzato da NewCities.

L’aumento dell’uso della bici fra il 2017 e il 2018 è stato pari al 6 per cento. Il dato è scomponibile in ciclismo ricreativo (+3%) e ciclismo urbano (+7%).

Alcuni paesi hanno visto un aumento di più del 10%: Polonia, Cile, Repubblica Ceca, Lussemburgo e Svezia.

I paesi in cui l’aumento è stato compreso fra il 5 e il 10% sono: Norvegia, Finlandia, Germania, Austria, Svizzera, Australia, Francia.

I paesi in cui l’aumento è stato inferiore al 5% sono: Nuova Zelanda, Irlanda, Gran Bretagna, Canada, Spagna.

E l’Italia? L’Italia non ha un numero sufficiente di contatori: Eco-Counter ha preso in considerazione solo i paesi in cui ve ne sono almeno 20.

Chi raccoglie dati precisi sul passaggio dei ciclisti può analizzarli e capire quali misure prendere per favorire l’uso della bici. Chi non raccoglie dati rischia di andare a sbattere contro un muro di ipotesi non verificate. Per approfondire ciò che intendiamo con “approccio scientifico alla ciclabilità” potete scaricare gratuitamente questo ebook: clicca qui.

Ebook “Per un approccio scientifico alla ciclabilità”

Scarica Gratis

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti