MENU
Fiera del Cicloturismo - bikeitalia.it

Spagna: grazie alle donne aumenta l’uso della bicicletta

Ciclismo urbano, News, Urban • di 16 Gennaio 2020

L’European Cyclist Federation, attraverso la redazione de “il barometro della ciclabilità” della Spagna, fa sapere che l’uso della bicicletta nelle città spagnole è salito di due punti percentuali rispetto al 2017. Un aumento registrato grazie al crescente uso delle due ruote da parte della componente femminile della popolazione, la quale ha accresciuto l’utilizzo della bici di 6 punti percentuali rispetto alla componente maschile ferma ai risultati del 2017.

In quell’anno infatti, gli uomini che utilizzavano abitualmente la bicicletta erano il 59.1%, mentre le donne il 37.4%. Nel 2019 invece, la quota maschile è rimasta praticamente inalterata a un 58.9%, mentre quella femminile ha visto una crescita di 6 punti, arrivando al 42.8%. 

La bicicletta sta riscuotendo un rinnovato successo anche in Spagna, dove a fronte di una crescita lenta in termini di infrastrutture si assiste a un progressivo interesse in diverse fasce della popolazione. Le città spagnole sono ancora lontane dal raggiungimento dei numeri delle capitali della bicicletta del Nord Europa, tuttavia il percorso di avvicinamento è ormai delineato.

Il “gender gap” della bicicletta raggiunge oggi i 16 punti percentuali, mai così basso dal 2008, anche grazie alla diffusione del bike sharing nelle città medio-grandi. I dati di ECF rivelano che sono circa 3 milioni le persone iscritte a un servizio di bike sharing cittadino in tutta la Spagna.

Il report elenca anche quali sono le migliori città spagnole in cui pedalare: Siviglia, Saragozza e Valencia si attestato ai primi posti, Madrid e Barcellona vengono invece indicate come città in cui è più diffusa la consapevolezza che la bicicletta è il mezzo più veloce per muoversi in ambito urbano.
Non manca poi un richiamo alla necessaria formazione e al rispetto reciproco tra i diversi utenti della strada, causa di cattive abitudini e considerazioni sbagliate tra ciclisti e pedoni e tra automobilisti e biciclette.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *