Perché non inserire le ciclabili all'interno delle reti transeuropee dei trasporti? - Bikeitalia.it

Perché non inserire le ciclabili all’interno delle reti transeuropee dei trasporti?

10 Marzo 2022

È la domanda che si pone l’European Cyclists’ Federation (ECF), l’associazione di categoria del mondo della bicicletta che tra i propri obiettivi ha quello di fare una sana attività di lobbying pro-bici a livello europeo.

Le istituzioni europee hanno iniziato ormai da tempo a ragionare sulla necessaria revisione delle linee guida in tema di reti di trasporto sovranazionali, arrivando a una prima bozza di contenuti approvata lo scorso Dicembre dalla Commissione Europea.

ECF TEN-T
La rete TEN-T

La rete transeuropea dei trasporti (denominata TEN-T) è frutto dell’insieme di strade, linee ferroviarie, vie navigabili, porti, rotte marittime, aeroporti e terminal ferroviari di maggior rilevanza a livello europeo. Tra questi collegamenti però non sono presenti le reti escursionistiche europee e la rete Eurovelo, escludendo di fatto le modalità di trasporto attivo.

Secondo l’ECF, che da tempo sta seguendo la questione, includere i corridoi ciclabili nella rete europea migliorerebbe la connettività, l’efficienza e la sostenibilità della TEN-T di tutto il continente, con il risultato di sbloccare nuovi finanziamenti per i progetti di ciclovie europee.

eurovelo
Rete Eurovelo

Al momento, di passi in avanti per cambiare la situazione se ne sono visti pochi anzi, la bicicletta non solo è trascurata, ma è anche ostacolata, poiché diverse ciclovie sono spesso ostruite dai progetti TEN-T. Un maggior spazio alla bicicletta all’interno delle linee guida europee di trasporto sovranazionale permetterebbe tuttavia di incoraggiare il trasferimento modale da forme più classiche e più impattanti dal punto di vista delle emissioni di carbonio verso alternative più sostenibili, come la bicicletta o l’andare a piedi.

Le richieste della Federazione Europea dei Ciclisti (ECF) sono fondamentalmente due:

  • integrare la rete EuroVelo all’interno della nuova strategia TEN-T,
  • integrare nei nuovi progetti di TEN-T elementi legati all’escursione a piedi e all’uso della bicicletta.
eurovelo 2
Rete Eurovelo

Se le richieste fossero accettate sarebbe molto più semplice ottenere dei percorsi ciclabili lungo i corridoi TEN-T, creare delle linee guida comuni su come realizzare degli attraversamenti ciclabili sicuri e confortevoli attraverso i corridoi TEN-T, adeguare i progetti già esistenti a standard di sicurezza ciclistica e attrezzare i nodi urbani dei corridoi TEN-T con soluzioni a favore della bicicletta.

Dall’analisi dell’ultima versione delle linee guida approvata dalla Commissione Europea lo scorso dicembre le perplessità sono ancora molte: ad esempio si inizia a parlare di modalità di trasporto attivo, ma la rete EuroVelo non viene comunque integrata all’interno della TEN-T.

ECF ha già annunciato che continuerà a sensibilizzare i diversi attori in gioco affinché si trovino soluzioni più adeguate per portare la mobilità attiva al centro di una pianificazione strategica di livello europeo.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti