Flash mob al Corriere della Sera: facciamo luce sulla violenza stradale

1 Dicembre 2022

Venerdì 2 dicembre alle ore 19 a Milano si terrà un flash mob: l’appuntamento è fissato davanti alla sede del Corriere della Sera, in Via Solferino 28, per chiedere di cambiare la narrazione della violenza stradale.

lettera severgnini ciclisti senza luci

Una campagna di civiltà: contro le vittime?

Martedì 29 novembre 2022, sull’edizione milanese del Corriere della Sera è stata pubblicata nella rubrica “La Lettera” di Giangiacomo Schiavi una missiva del giornalista Beppe Severgnini, intitolata “Basta con i ciclisti senza luci: una campagna di civiltà”.
Secondo Severgnini, il mancato utilizzo di casco, luci o campanello da parte di “quattro ciclisti su cinque” (fonte: osservazione sua) causa una situazione di “anarchia” sulle strade.

Schiavi ha rincarato la dose, lanciando l’appello per la “campagna di civiltà” corredato da una serie di dichiarazioni di personaggi più o meno famosi e più o meno competenti in materia.
Ciò che accomuna questi punti di vista è sempre e solo una costante: l’antichissima tradizione del victim blaming, ovvero dare la colpa della violenza alle vittime.

“Perché, se investo un ciclista senza luci, ci devo andare di mezzo io? “
La dichiarazione del manager Franco de Benedetti esplicita il messaggio sotteso a tutta questa retorica che, in buona o cattiva fede, ignora la trave per concentrarsi sulla pagliuzza.

Un flash mob per fare luce sulla violenza stradale

In risposta a questa opera di disinformazione sul tema, la rete dei cicloattivisti milanesi lancia un flash mob per venerdì 2 dicembre alle ore 19 davanti alla sede del Corsera a Milano in Via Solferino 28.
I partecipanti, invitati a portare più campanelli e luci possibili, consegneranno alla direzione del Corriere una lettera e una copia del libroCronaca letale – Come giornali e giornalisti descrivono gli incidenti stradali” di Gianni Lombardi.

L’importanza del linguaggio con cui si parla degli incidenti stradali, specialmente quando coinvolgono persone a piedi, in bici, in monopattino, è un tema fondativo di Bikeitalia.
Non avremmo voluto scrivere della morte di Davide Rebellin, non vorremmo dover raccontare le storie dei bambini e ragazzi che perdono la vita in strada.

È necessario farlo, tuttavia, finché si parlerà ancora di “auto pirata” e “auto impazzite” invece di dire la verità: ognuno di noi, quando si mette al volante e non rispetta le regole della strada, è un potenziale assassino alla guida di un’arma.

Link all’evento Facebook

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti