Le politiche urbane e la relazione con lo spazio della città

6 Dicembre 2022

Come sta cambiando lo spazio della città e quali sono le politiche urbane legate alle trasformazioni, anche per quanto riguarda la mobilità sostenibile? Ne ha discusso a MobilitARS 2022 – evento realizzato da Bikenomist in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia – Claudio Calvaresi, principal di Avanzi – Sostenibilità per Azioni, nel suo intervento dal titolo “Con gli occhi della città”.

Calvaresi si occupa da anni di politiche urbane e nella sua relazione parte dal tempo di pandemia, dall’era del Covid: “Un periodo in cui abbiamo temuto tutti di poter perdere la città”.

La città, d’altra parte, rappresenta quasi un corpo a sé, in continuo mutamento: “La città ha anche una sua vita autonoma rispetto a noi: popolata di attori non umani. Il nuovo regime climatico ci sta ponendo di fronte a un paradosso: i tempi così rapidi e travolgenti del cambiamento tecnologico sono diventati anche quelli del cambiamento climatico. La città ci abita e ha una sua potenza di agire”, sottolinea Calvaresi.

Quindi la relazione con lo spazio della città si declina in diversi modi: come una più intensa abitabilità, ad esempio attraverso la riqualificazione dello spazio pubblico. Con il recupero di spazi dismessi, come il Laboratorio di Barriera a Torino. Facendo i luoghi con le persone come il quartiere Dergano di Milano etra coesistenza e convivenza.

Calvaresi analizza anche la dimensione temporale, non solo quella fisica-spaziale: “Lasciare il tempo al progetto per riappropriarci dello spazio seguendo i tempi che c’è bisogno di darsi per ri-significare uno spazio”.

O, ancora, nell’esempio degli “Spazi indecisi” della periferia di Palermo: “Spazi indisponibili alla pianificazione”, quindi come curare con un progetto sociale uno spazio che non è propriamente determinato.

Le politiche integrate hanno “gli occhi della città”: modo per dire in maniera diversa per orientare le politiche urbane. In pandemia abbiamo scoperto che lo spazio della scuola andava assolutamente ridefinito: “Come rileggere una serie di progetti come politiche urbane?”, si chiede Calvaresi. Uscire dalla logica settoriale e riprogettare lo spazio della città con interventi di natura urbana, politiche di inclusione sociale nelle periferie, oltreché forte contenuto di apprendimento sociale.

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti