MENU
viaggi girolibero

Aprire un’attività in Cargo Bike: regolamento, spese e vantaggi

Bikelife, Cargobike, Urban • di

Ho una cargobike, un’idea e ho partita Iva.
La cargobike la uso quotidianamente, con due bambini e tre anni di utilizzo penso di aver ammortizzato la spesa iniziale. Ma ho deciso di sfruttarla al massimo e vi annuncio che proverò ad aprire un micro-negozio in Cargo Bike.

In questi anni sono aumentate le richieste di vendita itinerante, soprattutto su mezzi a motore, un esempio sono gli Ape Car, ma il micro-negozio in bicicletta permette di sostenere l’economia locale e comporta diversi altri vantaggi:

– richiede poco investimento iniziale (l’acquisto o il noleggio della Cargo Bike e l’eventuale personalizzazione)
– flessibilità, libertà di scelta su dove e quando lavorare senza essere legati ad orari di lavoro prestabiliti.
– eliminazione delle spese fisse: affitto, Tasi, revisione caldaia, bollette  e spese condominiali per il negozio;      carburante, bollo di circolazione, assicurazione, tagliando, area C ecc. per un furgone.
– facilitazioni fiscali
– bassi tempi di attesa per avere la licenza.
– non servono garanzie per iniziare a lavorare, diversamente da un negozio fisso.
– minore rischio economico

 

IMG_4623      K4RGO - Rivet-and-Sway-pop-up-shop-2

Il negozio tradizionale comporta delle spese fisse ed esige un investimento iniziale cospicuo,  garanzie economiche e un vincolo contrattuale. Questi ostacoli non aiutano chi non ha garanzie e chi non ha grosse disponibilità economiche, soprattutto chi è disoccupato o chi vorrebbe, magari, solo provare a vendere per la prima volta i propri prodotti.

Si può creare un negozio utilizzando una Cargo Bike, un negozio che non avrà nulla da invidiare ad un negozio tradizionale. Questa scelta permetterà di seguire i clienti a seconda del meteo, della stagione, della fascia oraria e degli eventi in corso in città. Inoltre la vendita ambulante su bicicletta è utile a chi, magari, un laboratorio avviato ce l’ha già, magari in una zona periferica in quanto diventa un modo per avere una vetrina in centro città e raggiungere un pubblico più vasto.

Schermata-2014-03-25-alle-13.32.48       Schermata-2014-03-25-alle-13.31.10-260x300

Il costo iniziale sarà tra i 1000 e € 3000 per comprare la bicicletta più le spese, eventuali, per l’allestimento. Se il negozio non necessita di un allestimento particolare, ad esempio se non si dovranno vendere generi alimentari, si può iniziare semplicemente noleggiando una Cargo Bike; a Milano Il marchio Trikego e il negozio Cargo Bike Ciclofficina offrono questo servizio e il prezzo del noleggio è abbordabile, solo 5 euro per un’ora, 30 euro per una giornata e 50 euro per il weekend.
Chi è fortunato può trovare in vendita una Cargo Bike di seconda mano, invece chi è bravo se la potrà costruire da solo e chi già ha una Cargo Bike non avrà spese iniziali.
Queste cifre si devono sommare al denaro necessario per la licenza di ambulante, iscrizione alla camera di commercio (90€ all’anno) e iniziare a pagare i contributi previdenziali, spese contabili ecc.

Schermata-2014-03-25-alle-13.39.02-260x300        Schermata-2014-03-25-alle-13.34.56-260x300

Il commercio ambulante può essere svolto solo da persone fisiche, quindi ditte individuali e società di persone (Sas, Snc.) e non da società di capitale (Srl e Spa).

Esistono due tipi di vendita ambulante: A e B.

Quella di tipo A riguarda l’acquisizione del diritto ad avere un posto fisso in un mercato per 10 anni e, per ottenerlo, bisogna fare una domanda con marca da bollo di euro 14,62 al Sindaco del Comune di appartenenza, che assegnerà il posto in un mercato (se c’è disponibilità) altrimenti bisogna aspettare la data del bando di concorso. Con tale licenza si possono effettuare i mercati nell’ambito della Regione e le fiere anche nel territorio Nazionale.

La licenza di tipo B è quella itinerante e viene ottenuta inviando una lettera raccomandata con marca da bollo di euro 14,62 al Sindaco del Comune, che rilascerà tale permesso entro 30 giorni. Se la persona decide di vendere prodotti non alimentari non ci sono vincoli, se invece si tratta di vendita di generi alimentari dovrà trovarsi in possesso di uno dei seguenti documenti: iscrizione CCIAA con data e numero; aver frequentato un corso per il settore alimentare con il numero delle ore ed il nome dell’istituto; diploma di scuola alberghiera. Ci sono ditte, anche italiane che si occupano di allestimenti con impianti a norma per la vendita di alimentari  e Streetfood sia su veicoli a motore che su tricicli.

Ogni Città ha un piano regolatore del commercio itinerante, ogni comune si riserva di escludere certe aree da questo tipo di commercio; consiglio di richiedere tale regolamento presso il proprio comune prima di dare inizio all’attività.

La licenza di tipo B abilita anche la vendita a domicilio.

K4RGO - Cathy's Hat      25587e0ac2fc2708f9149cfa21154756

Si può aprire un’attività di ambulante utilizzando anche un mezzo a motore, si potrà lavorare in più città, ma questa scelta è senz’altro più onerosa; per esempio un Ape Car allestito ha un costo che varia dai 20.000 ai 40.000 euro, oltre a questo c’è lo svantaggio di non poter entrare nelle zone ZTL e nelle aree pedonali ad eccezione di un permesso di occupazione di solo pubblico, ma in questo caso subentrano altri costi e non si tratta più di vendita ambulante di tipo B.

IMG_4625      IMG_4626

In realtà questa idea mi rimbalza in testa da qualche anno, da quando, dentro un giardinetto pubblico a Copenhagen, ho visto nascere un mercatino di piccoli artigiani, fiorai e ortolani. Si è materializzato davanti ai miei occhi in poco tempo, silenziosamente e senza che assistessi a manovre per incastrare tra loro furgoni e gazebo. Tutti i venditori sono arrivati in Cargo Bike o con biciclette con rimorchi allestiti. Un’ottima soluzione per sostenere l’economia locale.

Esistono dei negozi in Cargo Bike bellissimi che non hanno nulla da invidiare ad un negozio classico. Il Bicinegozio non è un’idea nuova, ma a volte il progresso ha portato l’abbandono di buone abitudini complicandoci la vita, buone abitudini a basso costo da reciclare in questi anni di pausa di riflessione economica.

Con questo articolo spero di aver suggerito una buona idea a chi sta per avviare un’attività commerciale e non ha voglia di investire cifre enormi, in questo modo farà anche un regalo alla comunità: una città con un furgone in meno!

 

1206902527222_gelatitano





21 Risposte a Aprire un’attività in Cargo Bike: regolamento, spese e vantaggi

  1. mariana ha detto:

    dove si trovano negozi di cargo bike a milano?

    • Antonella ha detto:

      A Milano ci sono diversi negozi di Cargo Bike come CargoBikeCiclofficina, Trikego e Fridabike e LaStazioneDelleBiciclette. Alcuni ti vendono-noleggiano le Cargo Bike base e poi ci pensi tu, altri offrono il servizio di allestimento a negozio.

  2. Fabio ha detto:

    Buona giornata a tutti .Io sono di Torino e dispomgo finalmente di una licenza ambulante di tipo b non alimentare. Il mio intento attraverso questa licenza e vendere opere del proprio ingegno come fotografie opere pittoriche disegni artistici e l’allestimento di una galleria d’arte itinerante trasportabile da un capo all’altro della città. forse è vero che la mia idea può risultare fantascientifica ma con i giusti merzzi la volontà i soldi come sempre immediatamente disponibili non è un’idea da trascurare anzi la trovo originale per esempio allestire un piano di tre metri per sei carrozzabile e tutto cio che lo puo addobbare come galleria d’arte da condurre con pedalata assistita .Che cosa ne pensate ? sulla rete trovo idee interessanti come supertramp certo però che se fosse il ripiano un poco più lungo e almeno largo tre metri con pedalata assistita non sarebbe male per la mia galleria d’arte mobile ::) mi sapreste dare percortesia ulteriori suggerimenti consigliareod orientare presso qualche carrozziere ?

    • Mattia ha detto:

      Ciao, io sto cercando di mettere in piedi una cosa simile alla tua, ma parlando con i vigili per eventuali vari permessi mi consigliavano di “presentarmi” come artista di strada che fondamentalmente offre le sue opere ad offerta. Siccome a me piacerebbe poter decidere il prezzo e magari vendere piccola oggettistica, non necessariamente autoprodotta mi chiedevo me si sapresti dire cosa comporta prendere una licenza di tipo Ambulante per vendere cose, foto e non. Se avessi un minimo di tempo da dedicarmi per spiegarmelo mi faresti un bel favore. Grazie in anticipo

    • Donata Piva ha detto:

      Ciao Fabio.
      A me interessa più sapere come hai fatto a ottenere la licenza.
      Io sono di Milano e dopo avere ottenuto la licenza provvisoria mi hanno detto che devo fare una visura in camera di commercio.
      È tutto così macchinoso!
      Mi sto chiedendo se sto sbagliando qualche cosa…
      Anche tu hai dovuto fare la visura online alla tua camera di commercio?
      O c’è un modo per ottenere la licenza con meno burocrazia?
      Grazie mille
      Donata

  3. Chiara ha detto:

    Ciao! Anch’io sono interessata ad avviare un’attività su cargo bike. Ma…vi chiedo un’informazione…Supponiamo che voi abitiate a circa 10 km dal luogo dove volete piazzarvi a vendere…come vi organizzate? Caricate la cargo bike su un furgone o raggiungete direttamente il posto con la bike? o meglio….vi trasferite? :) lo so può sembrare banale ma ero curiosa di sapere come si organizza chi ha già iniziato questo tipo di attività!! Grazie mille!!!

  4. Rob ha detto:

    Buona giornata a tutti.
    Sto cercando dei negozi per progettare e allestire l’idea che ho, sono di milano e ho cercato un po in internet, ma trovo solo con dei prezzi assurdi, voglio una bici per lo street food.
    Avete ideia di dove posso trovare dove fare allestimento con un prezzo più economico?
    Grazie

    • roberto ha detto:

      Ciao se vuoi costruire qualcosa che ti possa andar bene, prova a contattarmi che vediamo cosa fare. Roberto 349 8454162

    • Alfredo Moser ha detto:

      Ciao ho visto la tua richiesta, forse posso aiutarti, io realizzo allestimenti per streetfood, se mi dici il prodotto che intendi vendere e magari un tuo bugget, potrei vedere cosa proporti.
      Se ti interessa chiamami al 3389942242

  5. iuri ha detto:

    la cargo bike deve essere omologata ? come mezzo di locomozione stradale ma anche come eventuale bottega per alimenti? è possibile costruirsela e poi farla omologare?

  6. iuri ha detto:

    vorrei iniziare una attività cargobike in puglia, qualcuno conosce qualche venditore o installatore in puglia o comunque a sud?

    • Alfredo Moser ha detto:

      Ciao Chiara, non so se ti sei già organizzata, ma rispondo alla tua domanda.
      se sei lontana solo 10 km. da posto dove intenderesti operare, lo puoi raggiungere anche con la bici, io produco bici a pedalata assistita e allestimenti personalizzati e i miei clienti normalmente operano a qualche km. da casa.
      Se hai bisogno di più informazioni chiamami al 3389942242

    • Alfredo Moser ha detto:

      Ciao Iuri,, io produco cargo bike e allestimenti personalizzati, se vuoi chiamami senza impegno, vediamo se posso aiutarti.

  7. Donata Piva ha detto:

    Ciao ragazzi ho un’altra domanda sulla questione della licenza anche se capisco che qui si parla preferibilmente del tema cargo bike :-): se si ottiene licenza di tipo B si può poi delegare qualcun altro alla vendita oppure la licenza è nominale?
    Grazie mille
    Donata

  8. Fernanda ha detto:

    Ciao a tutti, esistono cargo bike completamente made in italy con relativa certificazione CE?
    Grazie mille

    • Fridabike ha detto:

      Ciao Fernanda, cosa devi fare? per vendere oggetti basta avere P.IVA commerciante e licenza itinerante. Se fai somministrazione è complicato, devi averei piani di acciaio certificatai dalla ditta a cui li farai fare, impianto idrico ed elettrico con certificazione. e certificazione di tutti gli elettrodomestici come fosse un vero ristorante. Invece la bicicletta in se non deve avere nessuna omologazione, deve solo rientrare nelle misure del codice della strada.

  9. Domenico ha detto:

    Ciao hai un sito dove si possa vedere qualche esempio per vendere abbigliamento?

  10. filippo guarino ha detto:

    La licenza di tipo B è quella itinerante e viene ottenuta inviando una lettera raccomandata con marca da bollo di euro 14,62 al Sindaco del Comune, che rilascerà tale permesso entro 30 giorni.
    una raccomandata nel sesso ? pago il bollo e non faccio nessun riferimento o devo spiegare delle cose specifiche??? grazie mille .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *