Lombardia: la Via Carolingia in bicicletta - Bikeitalia.it

Lombardia: la Via Carolingia in bicicletta

La Via Carolingia è un itinerario culturale lungo complessivamente 1.250 km che ricostruisce i luoghi attraversati da Carlo Magno tra l’VIII e il IX secolo, quando partì da Aquisgrana fino a raggiungere l’Abbazia di Farfa, nei pressi di Roma, per essere incoronato da Papa Leone III come Imperatore del Sacro Romano Impero.

Il tratto lombardo del percorso è il tentativo di ricostruire il viaggio del sovrano carolingio mettendo in rete gli insediamenti urbani esistenti, gli interessi politici dell’Imperatore e le vie di comunicazione più utilizzate dell’epoca.

Via_Carolingia_in_Bicicletta

L’itinerario ha diversi punti di interesse come chiese, abbazie, monasteri, ville storiche, musei, castelli e semplici centri storici degni di essere attraversati in bicicletta.

Per effettuare il tratto lombardo del percorso in bicicletta è consigliabile suddividere il tracciato in 5 sezioni, in modo da potersi godere appieno i luoghi attraversati e non appesantire troppo le gambe.

Da Campione d’Italia a Erba (67.9 km)

Probabilmente la tappa più impegnativa del percorso con pendenze al 18%, fino ad arrivare a Pellio dove l’attraversamento del pian delle Noci, le viste sul lago e sulle vette circostanti ripagano i visitatori. A seguire inizia una lunga discesa che porta al Lago di Como e solo successivamente a Erba.

Da Erba a Bergamo (58.8 km)

Giunti a Erba è possibile ammirare la chiesa di S. Eufemia (V° secolo e simbolo della città). Dopo qualche sali e scendi è necessario attraversare il ponte di Brivio, sul fiume Adda, direzione Bergamo città, attraversando il bellissimo Parco dei Colli.

Da Bergamo a Soncino (51.4 km)

Si continua a pedalare verso sud, con l’obiettivo di raggiungere la cittadina del cremasco di Soncino. Questo tratto, permette di attraversare alcuni interessanti centri storici della bergamasca, come Martinengo o Romando di Lombardia.

Da Soncino a Castiglione delle Stiviere (58.5 km)

Penultima tappa completamente pianeggiante all’interno di un territorio prevalentemente agricolo e alla portata di tutti. Dopo aver attraversato il fiume Oglio si giunge a Orzinuovi, da qui si prosegue lungo strade poco trafficate fino Carpenedolo per raggiungere Castiglione delle Stiviere.

Da Castiglione delle Stiviere a Mantova (36 km)

Il territorio, ancora verde e attraente, ripercorre i delicati profili delle colline, regalando viste interessanti e imperdibili punti d’interesse come Solferino, Cavriana e Volta Mantovana, con il giardino di Palazzo Gonzaga. Poco più in là si entra nel Parco Regionale del Mincio, fino a raggiungere la bella città di Mantova.

Da questo momento la Via Carolingia prosegue in Emilia Romagna.

Per scaricare le tracce gpx e kml della Via Carolingia in bicicletta consulta il sito web dedicato.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti