MENU

Italia in bici: percorsi e informazioni

Italia, Itinerari • di

Italia in bicicletta

Italia in bici: pro e contro

Ci sono diversi aspetti che rendono un paese più o meno ideale per il cicloturismo. Alcuni valgono per qualsiasi altra forma di turismo, come la bellezza del territorio e del paesaggio, la ricchezza di città d’arte, la particolarità delle tradizioni e delle culture locali, la gastronomia, il clima. A giudicare da questi, l’Italia può sicuramente dire la sua e infatti, nonostante il recente calo in favore di altri paesi (vedi la Spagna), è ancora una delle mete più visitate del mondo.
I turisti che amano viaggiare in bicicletta però, amano anche altri aspetto di un luogo che a volte possono risultare determinanti: la presenza di piste ciclabili a lunga percorrenza, di itinerari cicloturistici su strade secondarie e poco trafficate, la sicurezza delle strade in generale, i servizi lungo suddetti itinerari e piste (bike hotel, segnaletica adeguata, punti di riparazione bici, spazi ricreativi per famiglie con bambini). Rispetto agli standard dei paesi del Nord Europa, l’Italia è invece molto indietro per quanto riguarda questi ultimi aspetti, e molto deve essere fatto, ma i progetti in campo non mancano.

Cicloturismo in Italia: cosa c’è in cantiere

Ad occuparsi della realizzazione di una rete cicloturistica nazionale che di fatto in Italia manca, è da qualche anno la FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), che con il suo progetto Bicitalia ha tracciato una serie di itinerari cicloturistici attraverso tutto lo stivale sfruttando alcuni tratti già esistenti ed altri ritenuti idonei. Il progetto Bicitalia è periodicamente sottoposto a Regioni ed amministrazioni locali i quali dovrebbero finanziarlo. Qualcosa è stato realizzato ma molto altro c’è da fare.
Il fiore all’occhiello di questa rete cicloturistica nazionale dovrebbe essere la Ciclopista del Sole, un progetto di pista ciclabile/itinerario cicloturistico dal Brennero alla Sicilia, più un tratto in Sardegna. Dell’intera ciclopista è stato realizzato a tutt’oggi il solo tratto Brennero – Verona (Peschiera del Garda) e solo in parte quello Verona – Firenze.
L’altro itinerario cicloturistico italiano a lunga percorrenza è la Via Francigena, e anche se nasce come cammino di pellegrinaggio oggi è battuto da molti viaggiatori in bicicletta.

Pedalare in Italia: dove?

I principali percorsi ciclabili e cicloturistici italiani si trovano al centro-nord, in particolare in Trentino Alto-Adige, Veneto, Emilia Romagna. Non ci sono solo piste però, a volte in bassa stagione le strade sono così poco trafficate che pedalarvi è un piacere. Un criterio per la scelta dei percorsi, oltre a quello del traffico e della sicurezza, per alcuni potrebbe essere la difficoltà in termini di dislivello. In Italia ci sono molti rilievi, si sa, e i meno allenati potrebbero scoraggiarsi al pensiero di qualche salita impegnativa. Volendo risparmiarsela, si può puntare la propria bici verso terre più pianeggianti ma ugualmente meritevoli, come il Salento, sia nel tratto interno che costiero, e buona parte della Puglia, il Delta del Po, con la sua ciclabile Destra Po, la costa abruzzese con la bike to coast adriatica ormai in fase di realizzazione, la Versilia.
Infine da non perdere, le 10 strade panoramiche italiane da fare in bici.

È anche possibile affidarsi a tour operator che pensano a tutti gli aspetti organizzativi del viaggio, in modo che voi dobbiate solo pedalare: ecco i tour disponibili per l’Italia.

Viaggiare con la bici in treno in Italia

Con Trenitalia è possibile il trasporto delle bici sui treni regionali contraddistinti dall’apposito simbolo; si deve pagare un supplemento di 3,50 €, valido 24 ore dalla convalida e acquistabile nei punti vendita autorizzati; in alternativa, si può comprare per la bici un biglietto di seconda classe valido per la stessa tratta del viaggiatore. Se la bici è trasportata all’interno di una sacca, il trasporto è gratuito.
Sui treni nazionali, anche per la compagnia Italo Treno, si possono trasportare bici, gratuitamente, solo se contenute in una sacca di dimensioni massime 80 x 110 x 40.
È possibile trasportare bici anche sui treni internazionali negli appositi spazi, al prezzo di 12 € (supplemento acquistabile solo in treno) o gratuitamente se in una sacca di 80x110x40.
Sito web Trenitalia (con informazioni sulle tratte internazionali da e per l’Italia) – Sito web Italo

Piste ciclabili e percorsi cicloturistici in Italia

Libri sull’Italia in bici

Ciclopista del sole 2 Italia in bici L'Italia in bici Ciclopista del sole 1

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *