Parlamento Europeo: indagine sul mercato del cicloturismo

17 Febbraio 2012

cicloturismo-economiaIl Parlamento Europeo ha commissionato un secondo studio sui benefici economici del cicloturismo. La prima fase, nominata “Eurovelo: sfide e opportunità per il turismo sostenibile” iniziata nel 2009, ha avuto l’ok in questi giorni per proseguire l’indagine.

I primi numeri diffusi parlano di un mercato da 54 miliardi di euro all’anno, e altri 5 miliardi di introiti si è stimato li potrebbe portare il completamento definitivo della rete ciclabile Eurovelo. Considerato a lungo un fenomeno di nicchia, il turismo in bicicletta è stato rivalutato negli ultimi anni per il numero crescente di persone che si avvicina a questo modo di viaggiare, per il minimo impatto ambientale e non ultimo per il mercato che ha smosso.

Dopo la conclusione della prima ricerca, la DG ENTR (la parte della Commissione europea che si occupa del turismo) ha co-finanziato diversi progetti per il completamento di Eurovelo, ed una serie di progetti per lo sviluppo di alcuni itinerari. Secondo il professor Richard Weston, uno degli autori del primo studio e riconfermato per l’aggiornamento di quest’anno, è necessario apportare qualche modifica, in particolare all’itinerario della Cortina di Ferro (EV13).

L’indagine procederà lentamente vista la mancanza di un ente di monitoraggio dedicato al cicloturismo; se ne studierà quindi l’impatto economico e si faranno valutazioni sul trasporto di biciclette sui mezzi pubblici nei vari Paesi.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Masterclass in Biomeccanica del Ciclismo
1.499
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti