In Abruzzo nevica e la pista ciclabile chiude

In Abruzzo nevica e la pista ciclabile chiude

21 Gennaio 2013

abruzzo-ciclabile ciclabile-abruzzo

In Abruzzo, d’inverno, mentre tutte le strade destinate al traffico motorizzato, anche secondarie, sono ben spalate e sgombre dalla neve, alcune piste ciclabili non meritano lo stesso trattamento, vedi per esempio quella che collega Fonteavignone a Ovindoli, in provincia dell’Aquila, passando per Terranera, Rocca di Mezzo e Rovere.

Durante il viaggio in bicicletta attraverso i parchi del centro Italia, all’altezza della frazione Fonteavignone, all’interno del Parco del Sirente-Velino, si scorge l’imbocco di una pista, per l’esattezza ciclopedonale, che in condizioni normali condurrebbe a Ovindoli. Una quindicina di chilometri di tracciato utile per collegare i vari comuni ed evitare la statale 696, per la verità bella e panoramica ma spesso trafficata. Purtroppo, però, la pista si presentava nelle condizioni mostrate in foto, abbandonata alla neve e al ghiaccio e percorribile forse con un paio di sci.

Alcuni cittadini confermano che la totale assenza di manutenzione del percorso non è un evento straordinario: “la pista ciclabile è inagibile per la neve, non ti conviene farla, quella è aperta l’estate“. “La pista ciclabile è chiusa, non la puliscono“.
Evidentemente esiste qualche regola non scritta secondo cui le ciclabili sono attrazioni turistiche aperte solo nella stagione estiva e lasciate all’incuria il resto dell’anno.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti