Biciclette di bamboo autocostruite a Londra

Biciclette di bamboo autocostruite a Londra

31 Gennaio 2013

bambokk-bikes

Quando un oggetto comincia a diffondersi, e ad essere usato sempre più, ne nascono spesso delle varianti. Basti pensare alle automobili: se all’inizio erano un po’ tutte uguali, oggi sono a disposizione dei consumatori auto grandi, piccole, di più colori, sportive, da città….
Si sta assistendo allo stesso fenomeno con le biciclette. L’ultimo trend in fatto di bici sono i telai di bambù: sì, proprio la pianta sempreverde originaria dell’Asia, cibo preferito dei panda. D’altra parte il bambù è da sempre usato per alcune costruzioni, come case e ponti: si tratta infatti di una pianta leggerissima, essendo cava, ma al contempo anche molto resistente.

Non stupisce quindi che essa risulti adatta anche come materiale per i telai delle bici; pare anzi che sia particolarmente utile per le bici da cicloturismo, in quanto riesce ad assorbire le vibrazioni meglio dei materiali più diffusi come l’acciaio e l’alluminio, garantendo un maggiore comfort di guida, soprattutto quando si pedala a lungo. Il motivo principale alla base della domanda di bici in bambù è però probabilmente di tipo estetico: si tratta di bici belle da guardare, e diverse da quelle che i nostri amici e colleghi usano.

Alcune case produttrici di telai quindi hanno aggiunto ai loro listini telai in bambù, sia in versione standard che customizzata; non si tratta però di prodotti economici, e per averne uno si devono sborsare cifre non inferiori ai 2500€, a cui bisogna poi aggiungere tutta la componentistica.
Due giovani e ingegnosi britannici, James Marr e Ian McMillan, si sono accorti di questo gap fra domanda e offerta, e hanno deciso di colmarlo, offrendo una soluzione decisamente low-cost, basata sul fai da te. I due hanno infatti fondato a Londra una (per ora) piccola società, il Bamboo Bicycle Club, che per sole 389 sterline (circa 470€) offre la progettazione di un telaio personalizzato, il materiale di costruzione (le canne da bambù), e due giorni di corso, durante un weekend, per autocostruirlo.

Si comincia contattando James e Marr via internet, dando loro tutte le informazioni necessarie alla progettazione su CAD del telaio. Durante i due giorni di corso, si scelgono accuratamente i pezzi di bambù più adatti, e si impara a unirli fra loro e a sottoporli a dei trattamenti che ne garantiscono la resistenza nel tempo. Alla fine del weekend la bici sarà pronta.

A quanto si legge dal loro sito, la costruzione non è un processo particolarmente difficile, e chiunque abbia una discreta manualità può completarla con successo, seguendo i consigli e l’esempio di James e Marr. Se un pezzo non riesce bene, si può semplicemente buttarlo e riprovare con un pezzo nuovo. I due giovani tengono a sottolineare che ciò che offrono è non tanto un semplice telaio, ma la soddisfazione di avere un pezzo unico, autocostruito dopo averlo pazientemente progettato e dopo aver scelto personalmente i pezzi che lo compongono; il tutto accade poi insieme ad altre persone, condividendo gioie e difficoltà.

Il club è nato solamente da pochi mesi, a settembre 2012; possiamo scommettere che a Londra presto ci saranno numerose bici in bambù. Basta solo fare attenzione quando ci sono dei panda in giro!

bamboo-bikes

Commenti

2 Commenti su "Biciclette di bamboo autocostruite a Londra"

  1. Fra Ro ha detto:

    Peccato che in Italia una bici così dura i 2 euro che vado a spendere per comprare un seghetto, tagliare la canna e portarla via…

    1. Giu pe ha detto:

      Gia e poi cosa ci fai con un telaio tagliato. Dovrai pure farlo riparare se sei in grado di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti