MENU

Italia e Zone 30

Campagna30, News • di 18 Lug 2013

zone_30

Il tema delle zone 30 è stato introdotto in Italia da Dario Manuetti e Bruno Gandino nel libro “La Città Possibile”, del 1993, tema che ho poi ripreso in ambito FIAB con pubblicazioni nel 1996 e seguenti. In quel periodo si iniziava a parlare di Moderazione del Traffico anche presso l’Università di Brescia con i professori Busi, Tira e Maternini, soprattutto nell’ambito della conferenza annuale “Vivere e camminare in città”. Il riferimento culturale era la Svizzera ed in particolare l’associazione GMT-SI, Gruppo per la Moderazione del Traffico della Svizzera Italiana, con principale riferimento Lorenzo Custer, autore di pubblicazioni e primi progetti. Per approfondire vedete il volume di FIAB “quaderno Gallimbeni n.7” dal titolo “La moderazione del traffico, pagine 7 e successive.

Indagando sulle prime esperienze italiane, se per centro urbano intendiamo la città antica, il vero centro – ormai sono molti e si fa fatica a dire – Verona è stato uno dei primi, già con il PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano) del 1997, se invece intendiamo tutta la zona urbana allora nessuna città italiana è ancora a 30 km/h.
Sicuramente il tema delle zone 30 si sta consolidando al nord mentre al centro sud è ancora quasi totalmente sconosciuto.
Personalmente, pur avendo realizzato studi e analisi, nessuna di queste si è tradotta in progetto, anche perché i progetti “costruiti” di zone 30 organiche in Italia sono poche e sempre il Quaderno Gallimbeni ne descrive alcune; ho seguito però la fase di comunicazione della zona del Piraghetto a Mestre con una pubblicazione che è ancora in fase di completamento e che mira a illustrare i vantaggi di questo intervento.

Riguardo le reazioni dei cittadini, ci sono moltissimi a favore e molti contrari, chi è un automobilista talmente abituato a non prendere mai in esame la possibilità di andare a piedi o in bicicletta (e ce ne sono tanti!) sostiene che a meno di 40 km/h la macchina “non va” e che non si può fare, chi invece viaggia per l’Europa, ha bambini, e si interessa di salute e sicurezza invece spinge per le zone 30.
Iniziare facendo subito “tutto 30” è una bella trasformazione, l’ha fatta Graz in Austria una decina di anni fa e dopo primi contrasti anche accesi la città ha capito che con la Velocità 30 diffusa c’è meno rumore, più sicurezza, più autonomia dei soggetti deboli come bambini ed anziani.

RACCOLTA FIRME

mob-nuova





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *