Bologna: vietato vietare le biciclette nei cortili

7 Maggio 2014

vietato

In estrema sintesi, questo è il succo del nuovo Regolamento d’igiene del Comune di Bologna: qualunque divieto di introduzione e parcheggio biciclette all’interno del cortile dei condomini nel territorio comunale sarà presto illegittimo.

Il provvedimento entrerà in vigore con l’approvazione del nuovo regolamento al momento in via di approvazione da parte del consiglio comunale e si pone l’obiettivo di rispondere all’esponenziale aumento dei ciclisti urbani in città degli ultimi anni. Per porre infatti un freno al dilagare dei furti di bici, l’amministrazione comunale provvederà ad installare 500 rastrelliere pubbliche nell’arco del 2014 e altre mille nell’arco dei prossimi due anni. La misura non è stata però ritenuta sufficiente da parte della stessa amministrazione comunale che “ha ritenuto di implementare una serie di azioni volte ad agevolare ed incrementare la sosta bici di tipo “sistematico” (residenza, lavoro, etc.) in aree di proprietà privata, così da poter invece dedicare maggiormente alla sosta “a rotazione” le rastrelliere posizionate su strada pubblica”, ha dichiarato l’Assessore alla Mobilità, Andrea Colombo attraverso il proprio profilo Facebook.

Sarà invece prevista dal nuovo Regolamento Urbano Edilizio l’obbligatorietà di posizionare rastrelliere con tettoia nelle zone adiacenti qualunque nuova costruzione, in modo da garantire almeno un posto bici per ogni unità abitativa o per ogni 100 mq di superficie utile.

Allo scopo di facilitare la messa in regola dei condomini bolognesi, il comune di Bologna fornirà gratuitamente una rastrelliera per ciascun condominio che ne farà richiesta, così come la possibilità di acquistare ulteriori rastrelliere a prezzi competitivigrazie alla gara promossa dal Comune.

Bologna segue quindi le orme di Milano e di Torino che già da tempo hanno dichiarato guerra ai condomini che vietavano la sosta di biciclette nei cortili, pratica ancora lecita nel comune di Roma e contro la quale è stata creata una petizione che ha raccolto 7.000 firme e ha portato alla presentazione di una una mozione che impegna il sindaco e la giunta capitolini a modificare il Regolamento Edilizio e il Regolamento di Igiene per garantire il diritto a parcheggiare la bicicletta nei cortili condominiali.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti