Bike Smut, un festival ciclo-pornografico pedala per l'Italia - Bikeitalia.it

Bike Smut, un festival ciclo-pornografico pedala per l’Italia

14 Maggio 2014

10258086_629360917148826_2251627573934815451_n
Spingere il lato sexy del ciclismo fino all’estremo, è questo l’obiettivo che da 7 anni a questa parte si pongono il Reverendo Phil Sano (instancabile cicloattivista della comunità di Portland, Oregon) e la performer ciclo-femminista Poppy Cox. Una spinta in piedi sui pedali che li ha portati in giro per tutto il mondo insieme a Bike Smut, festival cinematografico di piaceri radicali che in queste settimane primaverili sta attraversando l’Italia.

Bike Smut è una collezione di cortometraggi erotici realizzati da ciclisti e incentrati sul tema della bicicletta. Un appuntamento attento e divertente, e soprattutto collettivo, perché le proiezioni di Bike Smut avvengono soltanto in pubblico: i video non vengono distribuiti singolarmente, non esistono DVD né proiezioni stampa, ma anzi vengono presentati all’interno di un vero e proprio show, alternati a spogliarelli improvvisati e giochi collettivi.

In queste settimane primaverili, Bike Smut è in giro per l’Italia, un ritorno dopo le fortunate serate di 3 anni fa. Questa volta Reverend Phil ha compattato l’intero materiale del festival nelle sacche della sua bici, e si muove pedalando e campeggiando lungo le strade del belpaese. Dopo Catania, Palermo e Torino, il prossimo rendez-vous sarà una due giorni di festival al Leoncavallo di Milano dove lo spettacolo e le proiezioni saranno affiancati da diversi eventi collaterali: la mostra di illustrazioni “The Bike Fucking Tour Art Show“, gli stencil ciclistici di Serpica Naro, una “Super8 Darkroom” e ovviamente tanti giochi sui pedali, tra le gare di sexy-riscio’ e le goldpsrints
Dopo il weekend milanese, Bike Smut si sposterà verso Modena e Roma (sperando di trovare all’ultimo anche una data a metà strada).

Non è mai troppo tardi per scoprirsi bicisessuali. Bike Smut è un lavoro collettivo in questa direzione, quella di fare una sintesi tra mobilità e sensualità nella propria vita quotidiana.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti