Le mani di Mafia Capitale sulle piste ciclabili

16 Dicembre 2014

ciclabili-roma-2

Sono trascorse ormai due settimane dall’arresto da parte dei carabinieri del ROS (Raggruppamento Operativo Speciale) di 37 persone tra cui l’ex NAR Massimo Carminati e il suo collaboratore l’imprenditore Salvatore Buzzi. L’ordinanza, a cui sono stati assegnati i nomi Mondo di mezzo, o Mafia Capitale, è raccolta in un faldone di oltre 1000 pagine disponibile anche online. Il documento è lungo e dettagliato e alcuni particolari sono emersi solo dopo qualche giorno man mano che i giornalisti ne leggevano una parte.

E così, andando avanti nella lettura, si scopre che il sistema criminale messo in piedi da Carminati, Buzzi e compagnia aveva messo le mani anche sulla gestione e la manutenzione delle piste ciclabili romane.
Il reato contestato dai magistrati è l’evasione dell’IVA su un appalto di 800 mila euro aggiudicato da una cooperativa che fa capo a Salvatore Buzzi per la manutenzione di alcune piste ciclabili. La coop in questione si sarebbe aggiudicata l’appalto grazie all’intermediazione di tale Claudio Turella, l’uomo che secondo le indagini “garantiva al sodalizio continuità tra le diverse Giunte capitoline, consentendogli di esercitare pertanto le proprie influenze, indipendentemente dall’area politica al potere”. In cambio di questa intermediazione il Turella avrebbe richiesto una mazzetta da 100 mila euro successivamente rinegoziata in 30 mila.

Ma l’episodio dell’evasione dell’IVA, citato da molti giornali, non è purtroppo l’unico che riguarda le piste ciclabili della capitale: alcune intercettazioni hanno rivelato infatti una forte pressione da parte di alcuni uomini legati a Buzzi per appalti riguardanti le ciclabili, anche superiori ad 800 mila euro, ad esempio si parla di 2,5 milioni suddivisi tra gestione delle piste e delle aree verdi.

In questo contesto, a nostro giudizio una grave responsabilità è da attribuirsi anche al sindaco Marino e al suo staff. Il primo cittadino infatti ha fatto del miglioramento della mobilità per i romani il suo cavallo di battaglia in campagna elettorale, e la pessima condizione in cui versano le poche piste ciclabili della città gli avrebbe dovuto far sorgere almeno qualche dubbio sull’affidabilità delle ditte aggiudicatarie dell’appalto.

Ed ecco infatti il lavoro certosino che effettuano le ditte in questione per manutenere le piste ciclabili di Roma.

ciclabili-roma-3

ciclabili-roma-4

ciclabili-roma-5

ciclabili-roma-1

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti