MENU
fancy women bike ride 2019

Chi si muove in bicicletta ha una marcia in più

News, Rubriche e opinioni • di 22 Agosto 2016

USALABICI_PITTOGRAMMA_PEDALARELe vacanze estive volgono al termine: dopo Ferragosto le località turistiche hanno cominciato a svuotarsi e le città stanno cominciando lentamente a riempirsi di nuovo. Ma chi ha scelto di utilizzare la bicicletta per i propri spostamenti ha avuto molto più tempo a disposizione per godersi il meritato riposo e, soprattutto, nessuno stress da parcheggio o sindrome da imbottigliamento nel traffico. Al mare come in montagna chi ha deciso di puntare sulla bicicletta come mezzo per muoversi non ne è rimasto deluso: zero code e un fluire silenzioso alla scoperta di posti nuovi dalla prospettiva del sellino.

Magari molte persone che hanno utilizzato la bici nei loro spostamenti quotidiani estivi, una volta rientrati in città, si renderanno conto che il tempo e la salute guadagnati grazie a questa semplice azione non hanno prezzo e che anche recarsi al lavoro in bici o accompagnare i figli a scuola pedalando può costituire una “ginnastica naturale” per mantenersi in forma senza troppi sforzi. Senza contare le ricadute positive sull’ambiente e anche sul portafoglio.

Settembre è il mese della ripresa delle attività ma anche il periodo in cui a Verona, dal 16 al 19, si terrà la seconda edizione di CosmoBike Show, rassegna di riferimento nel panorama delle bici in Italia con espositori da tutto il mondo e tante novità tra cui il lancio del nuovo marchio di qualità Cycling Mobility Quality Label, per premiare grandi eventi e iniziative a misura di bicicletta. Si tratta del risultato di una sinergia tra Veronafiere con CosmoBike Show 2016, Shimano, FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e Festival Tocatì (Festival Internazionale dei giochi di strada), per dare un riconoscimento agli organizzatori di manifestazioni che prestano particolare attenzione alla mobilità ciclistica, promuovendo l’utilizzo della bicicletta con infrastrutture dedicate e comunicazione mirata.

«È un progetto che vuole sottolineare la sensibilità di Veronafiere per la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico, un impegno che ci ha permesso di ottenere, prima fiera italiana, la certificazione ISO 50001 nell’ottobre 2015», spiega il Direttore Generale della Fiera di Verona Giovanni Mantovani. «La creazione di una Cycling Mobility Quality Label s’inserisce perfettamente nella mission di corporate social responsability che trasferisce in azione concreta l’attenzione al territorio che da sempre ci contraddistingue».

D’altra parte, come sottolinea il Project Manager di CosmoBike Show Paolo Coin: «Il core business di CosmoBike Show si esprime essenzialmente in tre ambiti d’azione: il ciclismo sportivo, il ciclismo urbano e il cicloturismo. Crediamo nel valore sociale della bici, fin dalla prima edizione della manifestazione abbiamo deciso di sostenere la bicicletta come strumento ideale per creare una mobilità intelligente nelle nostre città e per questo realizziamo la mostra convegno CosmoBike Mobility (dal 14 al 16 settembre a Veronafiere), che anticipa di due giorni l’apertura della manifestazione vera e propria».

Chi si muove in bicicletta ha una marcia in più perché può contare su un mezzo di trasporto essenziale e versatile, che contribuisce a rendere più vivibili le strade e accorcia le distanze senza danneggiare l’ambiente.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *