MENU

Un incontro tra cicloviaggiatori al BAM! di Arco

News • di 7 Ottobre 2016

01-bam-2

Tra il 30 settembre ed il 3 di ottobre si è tenuto nell’outdoor park di Garda Trentino l’Adventure Awards Days, Festival internazionale di avventura ed esplorazione giunto alla sua quinta edizione. Evento che emerge dalla massa grazie alla capacità degli organizzatori di distinguerlo per le sue specificità e per la sua capacità di esaltare le attività e il territorio in cui si svolge, ha fatto incontrare i “professionisti dell’avventura” con la gente comune attraverso dibattiti, proiezioni di film, racconti ed incontri.
Quando si parla di attività outdoor nel distretto del Garda Trentino, si parla di arrampicata, trekking e corsa in montagna, di sport d’acqua e chiaramente anche di bici.

06-salita-a-rifugio-san-pietro-2

All’interno del festival, si è svolta una “tappa” del BAM!, Bicycle Adventure Meeting, un evento nell’evento, che ha permesso a tutti gli appassionati di avventura in bici di conoscersi, di ritrovarsi e pedalare insieme. Il BAM! per gli appassionati delle uscite sulle due ruote è ormai un appuntamento immancabile e in questo degli Adventure Awards Days ha rappresentato il primo evento “gravel” nel Garda Trentino: territorio già votato alla mountain bike da decenni con centinaia di percorsi attrezzati, ora perfetti anche per le caratteristiche della gravel bike.

05-al-village-con-lifeintravel-e-montanus

La manifestazione è stata inaugurata con l’International Film Festival a tema avventura, e tra i film proiettati, quattro bikers americani e le loro bici equipaggiate di bikepaking erano protagonisti di un cortometraggio intitolato “The trail to Kazgebi”, dove i quattro avventurieri in 10 giorni di autosussistenza hanno sfidato le selvagge, incontaminate e remote montagne caucasiche in sella alle loro bikes.

04-yoga-for-bikers

Il sabato si è entrati nel vivo della manifestazione con i due alternativi percorsi di 40 o 100 km per sterrati e stradine tra il lago di Garda e il lago di Toblino. Una giornata particolarmente fortunata per il meteo quasi estivo, i bikers sono partiti in autonomia oppure in gruppo guidato, per un bel giro ad anello in compagnia dei ragazzi dello Sport Team Vallagarina con le hand bikes (tutte le attività outdoor del festival sono state realizzate anche per disabili con l’apporto di associazioni locali e di “tutor” d’eccezione come l’alpinista non vedente Marco Calzà). In un clima goliardico, il gruppo eterogeneo, colorato ed affiatato, ha affrontato in allegria la giornata sulle due ruote, facendo anche tappa enogastronomica in un Azienda Agricola del lago di Cavedine.

webinar bike manager

01-bam-4

Nel frattempo al Village ad Arco, si è svolto un interessantissimo mini-workshop di cucina outdoor per rendere gustoso, ma anche raffinato, un pasto cucinato all’aperto. Lo chef Martino Gisolo con pochi ingredienti, pentole ed utensili da campeggio, ha potuto preparare due piatti semplici ma anche molto invitanti!

Al rientro dal giro in bici, sempre al Village ad Arco, sono salite sul palco due coppie di cicloviaggiatori per raccontare le loro esperienze: Veronica e Leonardo di Lifeintravel e Giorgio e Francesco, detti Montanus.
Per chi è appassionato di viaggi in bici, sentire le loro esperienze è stato davvero piacevole, condividere le emozioni che si provano in sella alla propria mtb a migliaia di chilometri da casa, come dietro l’angolo, rende vividi i ricordi di avventura di chi, come me, non viaggia da un po’ di tempo e rafforza la voglia di ricominciare a farlo.

02-strongher

Nella giornata di domenica si è svolto il giro in bici dedicato alle donne: StrongHer. La donna di oggi non si divide solo tra lavoro e famiglia. Mamma, moglie, lavoratrice, riesce anche a ritagliarsi i suoi spazi e dà il meglio di sé: si arrampica con fatica e orgoglio in salita e scende ripidi pendii superando anche i compagni uomini, e lo fa col sorriso.
Nel pomeriggio ancora due uscite in bici: la prima facile e breve alle Marocche di Dro, dove alla conclusione del giro si è anche tenuta una lezione di Yoga per ciclisti, oppure un altro percorso molto più impegnativo per raggiungere al tramonto il rifugio S. Pietro, nei pressi del lago di Tenno, ed assistere al concerto del pianista Remo Anzovino, che si è esibito tra escursionisti, bikers e le caprette del rifugio, creando un’atmosfera surreale, unica e magica.

2016_10_02_anzovino-11-49

2016_10_02_anzovino-14-2

Tutti i tour guidati sono stati tracciati e condotti da Collettivo Pepe Cooter, Associazione locale che propone uscite “slow” dal punto di vista ciclistico e accompagna i soci in giri nel territorio con interessanti tappe enogastronomiche.

Per il mondo Gravity domenica erano in programma due uscite a Passo Tremalzo, entrambe annullate per maltempo, mentre sabato per gli amanti del downhill e di enduro i partecipanti hanno potuto scendere per tutto il giorno le pendici trentine del Monte Baldo nella formula proposta dall’evento King of Baldo realizzato da AGBA (Alto Garda Bike Arena).







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *