29 centesimi al km: i benefici della bici rispetto all'auto in Europa - Bikeitalia.it

29 centesimi al km: i benefici della bici rispetto all’auto in Europa

10 Giugno 2019

Anche se spendere soldi pubblici irresponsabilmente sembra essere tornato di moda ultimamente, la realtà delle cose risponde a schiaffi in faccia. Gli interventi pubblici, specialmente quelli in materia urbanistica, devono essere sottoposti a una precisa analisi costi-benefici, prima di essere approvati.

Ma i costi dell’intervento (diretti e indiretti) e i benefici che ne derivano (anche qui, diretti e indiretti) devono essere valutati attentamente, nel loro complesso. E devono essere valutati in modo da poter essere comparati fra una situazione e l’altra, a distanza di tempo o luogo, paragonando varie forme di trasporto.

Sviluppare un metodo di comparazione efficace è stato l’obbiettivo di uno studio condotto da studiosi di Svizzera, Germania, Corea del Sud e Norvegia.

Hanno comparato quattro diverse metodologie di analisi costi-benefici per identificare una ampia lista di parametri da prendere in considerazione. I parametri sono divisi in 5 gruppi: 1) ambiente; 2) tempo di viaggio; 3) salute, incidentalità, comfort percepito; 4) sicurezza percepita e scomodità; 5) qualità di vita, turismo e infrastruttura.

Questa comparazione ha permesso di concludere che ogni km percorso in automobile ha un costo per la società di 11 centesimi di euro; al contrario, ogni km percorso in bicicletta o a piedi apporta dei benefici economici alla società, pari rispettivamente a 18 e 37 centesimi.

(Con un semplice calcolo si nota come la differenza fra bici e auto in termini di conseguenze economiche per la società sia pari a 29 centesimi al km: da qui il titolo di questo articolo).

Di conseguenza, il costo degli spostamenti su quattro ruote in Europa è pari a circa 500 miliardi di euro all’anno; mentre i benefici economici dell’andare in bici o a piedi sono pari rispettivamente a 24 e 66 miliardi di euro all’anno.

Secondo gli autori, i costi sociali dell’uso dell’automobile sono sistematicamente sottostimati, perché le analisi costi-benefici fatte in Europa non prendono solitamente in considerazione tutti i parametri da loro individuati.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti