Bike sharing: Nextbike arriva in Italia e sbarca a Bergamo

20 Settembre 2021

Novità in arrivo nel mondo del bike sharing. L’azienda tedesca Nextbike, leader in Europa nel servizio di bike sharing ibrido (sia a postazioni fisse che a flusso libero) sbarca in Italia, e più precisamente a Bergamo.

Una notizia importante per un mondo che negli ultimi anni si era un po’ assopito, soprattutto dopo i vari fallimenti delle società asiatiche, ma l’ingresso nel mercato italiano di un‘azienda solida come Nextbike fa intuire che nel futuro delle città c’è ancora spazio per le biciclette in condivisione.

Nextbike bike sharing next bike italia bergamo
Nextbike

L’azienda di Lipsia, fondata nel 2004, andrà a sostituire il servizio di bici a noleggio presente nella città orobica ormai dal 2009, di fatto innovandolo completamente.

BiGi, il servizio attualmente presente in città, conta 23 postazioni fisse con circa 200 biciclette, a cui si è aggiunta negli anni recenti l’offerta a flusso libero di Mobike/RideMovi. Entrambi i servizi verranno sostituiti da Nextbike a partire dal 2022.

Nextbike, oltre a offrire bici di ottima fattura made in Germany, è stata tra le prima aziende ad adottare la possibilità di parcheggiare la bici ovunque, arrivando poi a offrire dei servizi ibridi, in grado di garantire l’efficienza delle stazioni fisse (più classiche) alla flessibilità delle soluzioni free flow (a flusso libero, ndr).

Bergamo e l’azienda di trasporti ATB si affideranno così ad unico operatore che ha saputo dimostrare la sua efficienza in tutta Europa. Nextbike è presente in 28 Paesi e 300 città tra le quali Bilbao, Cardiff, Budapest, Glasgow, Monaco di Baviera, Varsavia e Berlino.

In totale le biciclette che arriveranno a Bergamo saranno 350, di cui 20 a pedalata assistita. Quest’ultime saranno per lo più collocate lungo gli assi che portano a Città Alta. In questo modo sarà favorito il comodo raggiungimento in ebike del nucleo più antico della città orobica.

bike sharing next bike italia bergamo
Le bici di Nextbike a VeloCity 2017

L’investimento messo in campo da ATB non è indifferente: l’affidamento del servizio per 4 anni, rinnovabili poi per ulteriori 2, è pari a 1,6 milioni di euro di cui 300mila per l’infrastruttura (biciclette smart, ciclostazioni fisiche e virtuali) e circa 1,3 milioni per la gestione (canoni, piattaforma informatica, customer care, logistica e manutenzione).

Non manca di commentare l’iniziativa Stefano Zenoni, Assessore alla mobilità del Comune di Bergamo: «Tra i tanti servizi di sharing ormai attivi ed esistenti nelle varie città, il bike sharing resta un pilastro delle politiche di mobilità sostenibile. A distanza di più di un decennio dall’avvio della prima “BiGi”, oggi presentiamo un sistema radicalmente rinnovato e al passo con le ultime tecnologie disponibili, in grado di servire progressivamente l’intera città. La nuova BiGi si candida a consolidare un rapporto di mutua collaborazione con i mezzi pubblici, grazie al coordinamento di Atb, e più di ogni altro mezzo di trasporto in modalità condivisa consente anche la promozione di pratiche utili per la salute, oltre che per l’ambiente, in piena coerenza con lo spirito e il tema della settimana europea della mobilità di quest’anno».

Paura che ti lasci a piedi sul più bello?

Corso di Meccanica di Emergenza

E trasformi gli imprevisti in un “già visto”

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti