Bologna: ecco gli incentivi regionali per chi va al lavoro in bici

21 Settembre 2021

Bologna: in bici al lavoro. La Giunta del Comune di Bologna ha approvato l’adesione, anche per il 2021, al protocollo con la Regione Emilia-Romagna “Bike to work” per incentivare l’uso della bicicletta nei percorsi casa-lavoro. La Regione ha messo a disposizione del Comune di Bologna più di 1,8 milioni di euro che saranno usati prioritariamente per investimenti su interventi strutturali e la restante parte per agevolazioni sugli spostamenti.

Bike to work spostamento casa lavoro

Manutenzione infrastrutture più incentivi

Circa 1,5 milioni di euro, cui si aggiungeranno anche risorse del Comune, verranno utilizzati per la realizzazione di piste ciclabili e la manutenzione straordinaria delle strade per garantire la sicurezza e incentivare la circolazione delle biciclette, in attuazione del Biciplan del Comune di Bologna [leggi la delibera di Giunta].

Il resto del contributo regionale sarà destinato a coprire gli incentivi rivolti ai dipendenti privati e pubblici che sceglieranno la bicicletta per recarsi al lavoro. Attraverso accordi di mobility management che vengono sottoscritti con il Comune, aziende ed enti possono accedere a rimborsi chilometrici per gli spostamenti casa-lavoro in bici; riduzione dei costi per l’utilizzo del bike sharing e per il deposito delle biciclette presso velostazioni o altri depositi convenzionati con il Comune.

Paura che ti lasci a piedi sul più bello?

Corso di Meccanica di Emergenza

E trasformi gli imprevisti in un “già visto”

Bologna: in bici al lavoro

In continuità con l’iniziativa del 2020, nei prossimi mesi il Comune di Bologna pubblicherà un bando rivolto a tutte le aziende con Mobility Manager. Le linee d’indirizzo terranno conto delle convenzioni in essere, eventualmente da aggiornare, e sono le seguenti:

  • ripartizione delle risorse sulla base del numero degli addetti delle aziende/enti che presenteranno la propria manifestazione di interesse a partecipare al progetto, Comune di Bologna incluso;
  • cofinanziamento aziendale pari ad almeno il 30% del valore della proposta che ogni singola azienda presenterà al Comune di Bologna;
  • vincolo della presenza dell’accordo di mobility management sottoscritto con il Comune di Bologna in vigore alla data di presentazione della domanda;
  • si potrà presentare una proposta per ciascuno o più degli interventi previsti, garantendo la copertura della quota complessiva di cofinanziamento.

Il servizio Bike to Business per le aziende

Le aziende che vogliono implementare gli spostamenti sostenibili dei propri dipendenti attraverso l’adozione di un programma completo dedicato allo sviluppo del bike to work aziendale hanno a disposizione anche strumenti come il servizio “Bike to Business” proposto da Bikenomist, con l’obiettivo di rendere l’azienda bike friendly, consentendo di contribuire attivamente alla salute e alla felicità dei dipendenti, di ridurre i costi aziendali e di tutelare l’ambiente. Nello specifico il programma “Bike to Business” prevede diverse azioni integrate. La progettazione e l’installazione di parcheggi per bici e mezzi di micromobilità, così come l’implementazione di facilities per chi si muove in bici; la formazione aziendale, la comunicazione interna, il supporto comunicazione esterna e anche la fornitura di biciclette (anche a pedalata assistita).

Per approfondire il tema è disponibile l’ebook gratuito “Bike to Business – Breve guida all’efficientamento della mobilità della tua azienda”scaricabile cliccando sull’immagine sottostante:

Bike to business ebook copertina
Spostamento casa-lavoro | L’ebook gratuito targato Bikenomist

Masterclass in Meccanica

Corso In Presenza

Commenti

Un commento a "Bologna: ecco gli incentivi regionali per chi va al lavoro in bici"

  1. Alain Canalis ha detto:

    Bologna è come tutta L’Emilia Romagna avanti anni e anni rispetto al resto d’Italia, e Torino ???? e il Piemonte ???? Ho 71 anni, in pensione ((non devo andare a lavorare, anzi lungi da me di continuare a fare una roba del genere che ho fatto per 43 anni)) felice e in salute ma soprattutto gran ciclista viaggiatore. Ora pero è arrivato il momento di una E-Bike ma costano una fucilata, ho bisogno (e come me molti altri pimpanti vecchietti) di incentivi economici da parte del Ns Governo, Regioni e “”illuminati”” amministratori…..umilmente chiedo: come debbo fare in questa caotica “”materia”” nazionale ???? un saluto Canalis Alain

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti