Bici protagonista del pacchetto di proposte per la mobilità dell’UE

16 Dicembre 2021

La Commissione Europea il 14 dicembre ha presentato un pacchetto di proposte legislative per la “Mobilità efficiente e verde” in relazione alla rete di trasporto transeuropea (TEN-T) e la direttiva sui sistemi di trasporto intelligenti (ITS) dove la bicicletta è finalmente protagonista. Le organizzazioni di promozione della ciclabilità – European Cyclists’ Federation (ECF), le industrie ciclistiche europee (CIE) e la Confederazione dell’industria europea della bicicletta (CONEBI) – accolgono con favore questo pacchetto, anche perché molte delle misure contenute nel documento riconoscono la crescente priorità politica data al ciclismo a livello locale e nazionale livello, elevandoli a un livello prioritario in tutta l’Unione Europea, il risultato di due anni di duro lavoro e advocacy mirato da parte delle organizzazioni ciclistiche.

In una conferenza stampa di presentazione del pacchetto, il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Frans Timmermans ha affermato che “il nuovo quadro per la mobilità urbana specifica in dettaglio come le città aumenteranno il trasporto pubblico a emissioni zero, implementeranno maggiori e migliori infrastrutture per camminare e andare in bicicletta e auto meno inquinanti”. L’intero pacchetto pone mobilità europea “sulla strada per un futuro sostenibile”.

ciclabili

Molte storiche richieste delle organizzazioni ciclistiche si riflettono nel pacchetto. Il nuovo quadro europeo per la mobilità urbana afferma che “una chiara priorità dovrebbe essere posta a livello nazionale e locale sullo sviluppo del trasporto pubblico, a piedi e in bicicletta, nonché sui servizi di mobilità condivisa e connessa”. Questa è la prima volta nella storia che la Commissione Europea dà la priorità agli investimenti in queste modalità come la spina dorsale della mobilità urbana.

Soddisfatta Jill Warren, ceo di ECF: “A beneficio delle persone che vanno in bicicletta in Europa, e di coloro che lo vorrebbero, accogliamo con favore quello che è effettivamente il più forte impegno della Commissione nei confronti della bicicletta fino ad oggi. Questo è un vero progresso per le associazioni ciclistiche europee, ma anche per ogni difensore e funzionario comunale che ha lavorato per mostrare cosa può offrire il ciclismo per le città”.

Sottoscrive Kevin Mayne, ceo di Cycling Industries Europe: “Le aziende ciclistiche europee hanno guidato il mondo nello sviluppo di prodotti e servizi in grado di trasformare la mobilità urbana. Sono lieto che il loro successo sia finalmente riconosciuto dalla Commissione europea come una priorità nella politica futura. Con e-bike, cargo bike, bike sharing, servizi connessi e impegni per Infrastruttura di ciclismo estesa, riteniamo che ciò possa gettare la base per maggiori opportunità e benefici in tutto il settore”.

Dal canto suo Manuel Marsilio, direttore generale della Confederazione dell’industria della bicicletta europea, sottolinea la portata storica per il settore del ciclo: “Il pacchetto pubblicato dalla Commissione ci dà fiducia che l’ecosistema ciclistico può essere ulteriormente sfruttato come elemento centrale nella transizione di mobilità in corso. Con la descrizione delle e-bike come il ‘segmento di mobilità elettronica in più rapida crescita in Europa’ e il riconoscimento che l’UE sta sviluppando una forte base industriale nelle tecnologie della bicicletta, l’industria è stata ancora una volta riconosciuta come importante stakeholder nell’UE processo decisionale. Dobbiamo mantenere l’attenzione dell’UE e continuerà a collaborare con i nostri partner di advocacy ciclistica per farlo”.

In particolare – come sottolineano in un comunicato congiunto – sono questi gli elementi del pacchetto che ECF, CIE e CONEBI accolgono molto favorevolmente:

  • la prioritizzazione complessiva dello sviluppo dei servizi in bicicletta, a piedi, di trasporto pubblico e di mobilità condivisa nella mobilità urbana;
  • l’invito alle città ad affrontare adeguatamente la bicicletta nelle politiche di mobilità urbana “a tutti i livelli di governance e finanziamento, pianificazione dei trasporti, sensibilizzazione, assegnazione dello spazio, norme di sicurezza e infrastrutture adeguate”;
  • la proposta di richiedere che i nodi urbani TEN-T adottino Piani di mobilità sostenibile e urbana che servano anche ad aumentare i livelli di ciclabilità;
  • l’appello affinché il regolamento TEN-T integri meglio i modi di trasporto attivi nella rete e mantenga la continuità e l’accessibilità delle infrastrutture ciclabili;
  • il riconoscimento della necessità di accelerare lo sviluppo di cargo bike ed e-cargo bike per la logistica urbana e le consegne dell’ultimo miglio, in particolare come parte integrante dei piani di logistica urbana sostenibile;
  • il riconoscimento che le e-bike e le e-cargo bike, in quanto “segmento di mobilità elettrica in più rapida crescita in Europa”, stanno contribuendo non solo all’aumento del numero e della durata dei viaggi in bicicletta, ma anche alla forte leadership industriale dell’Europa industria del ciclismo;
  • il bando per garantire una migliore integrazione tra trasporto pubblico, da un lato, e servizi di mobilità condivisa e mobilità attiva, dall’altro la richiesta di garantire a ciclisti e pedoni uno spazio stradale sufficiente, anche attraverso infrastrutture sicure e separate
  • prevede di avviare un programma per la raccolta di dati sulla mobilità urbana per indicatori armonizzati, anche sulla condivisione modale che la direttiva ITS rivista ha un campo di applicazione ampliato che richiede una multimodalità senza soluzione di continuità, utilizzando la modalità di trasporto più efficiente per ogni tappa del viaggio, un obiettivo che la bicicletta può raggiungere.

In conclusione, le organizzazioni ciclistiche sono soddisfatte del pacchetto di proposte che costituiscono senza dubbio un’importante opportunità di sviluppo della ciclabilità: chiaramente molto dipenderà da quanto rapidamente queste proposte saranno effettivamente attuate nel corso dei prossimi mesi e anni. Un elemento è certo: la bici è ormai diventata un mezzo protagonista del cambiamento della mobilità urbana anche nei piani ufficiali dell’UE, un nuovo approccio al tema che lascia ben sperare per il futuro.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti