Luci per bici: le migliori dinamo di nuova generazione

Quando capita di pedalare al buio, in viaggio o negli spostamenti quotidiani, avere una buona luce sulla bicicletta, per vedere e farsi vedere, è cosa buona, giusta e necessaria per tutelare la propria sicurezza e quella degli altri utenti della strada.

Come abbiamo già spiegato in questo articolo, esistono diversi tipi di luci: fari, led, a batteria, catarifrangenti. Questa volta però vogliamo soffermarci maggiormente su quelle a dinamo, perché far funzionare le luci con l’energia prodotta dal movimento delle nostre gambe ci consente di non rimanere mai al buio con la batteria scarica ed è un’opzione interessante da considerare se si utilizza la bici come mezzo di trasporto quotidiano. Vediamo insieme quali sono le migliori alternative offre il mercato in base alle diverse tipologie.

Dinamo classiche di nuova generazione

Dite addio alle vecchie dinamo che facevano un sacco di resistenza alla pedalata e faticavano a tenere accesa la fioca luce della bicicletta da passeggio. Con le dinamo di nuova generazione è possibile generare molta più energia con il minimo sforzo e senza rovinare la spalla del copertone.

Velogical Rim Dynamo

Quella prodotta dal marchio tedesco Velogical è la più leggera delle dinamo di nuova generazione. La differenza sostanziale è che in questo caso la dinamo non fa pressione sulla gomma del copertone, ma sul metallo della pista frenanate della ruota. Grazie a un anello in gomma che riveste la parte rotante delle dinamo la superfice di contatto è minima ma l’efficenza è altissima, addirittura il 70% in più rispetto alle dinamo tradizionali.

La Velogical si può posizionare su qualsiasi tipo di bici, anche con ruote in carbonio e, vista la sua alta componentistica di materiali magnetici, può ruotare fino a 20 volte più velocemente rispetto alle dinamo da mozzo. Il peso di questo gioiellino è irrisorio, solo 75 grammi, cosa che lo rende un sistema di alimentazione estremamente leggero e versatile adattissimo a viaggiatori, commuters o sportivi.

Pedalcell CadenceX

La nuova dinamo CadenceX dell’azienda di Chicago è stata lanciata sul mercato solamente l’anno scorso ma ha già conquistato diversi ciclisti in giro per il mondo. Il funzionamento è molto simile a quello della Velogical ma con alcune differenze.

Questo prodotto è composto da un generatore, installato sulla ruota anteriore, e da una porta di caricamento che, con due porte USB, permette di ricaricare luci e altri device elettronici. Il peso di 490 grammi è notevolmente più alto rispetto alla Velogical, ma è altrettanto semplice da montare.

Dinamo esterna al mozzo

Questo particolare tipo di prodotti consente di generare energia elettrica tramite un sistema di magneti che si attacca esternamente al mozzo anteriore o posteriore di tutti i tipi di ruote. Collegati a un caricatore USB questi generatori permettono di alimentare oltre che le luci anche i vari device come smartphone, actioncam o navigatori.

SpinUp F12W-Pro

Quella proposta dal marchio taiwanese SunUp è una delle poche dinamo esterne al mozzo che si possono montare sulla ruota anteriore. È molto leggera, il sistema pesa infatti solamente 370 grammi e ha il grandissimo pregio di produrre energia anche alle basse velocità.

Basta pedalare a una velocità maggiore di 6 km/h per generare elettricità e il massimo dell’energia (12W) è generato non appena si superano i 18 km/h. La dinamo Spinup è dotata di Intelligent Power Management System (IPMS) tecnologia che garantisce sia una una costante uscita di corrente a 1000mA che la modalità automatica a bassa resistenza, circa un terzo del normale, quando si pedala in salita (sotto i 13 km/h).

Spinetics Cydekick

Anche il prodotto lanciato dalla ditta statunitense Spinetics è compatibile con tutte le bici. Con la differenza che questo va montato fuori dal mozzo della ruota posteriore.

La Cydekick è performante sulle alte velocità, può arrivare a 15W quando si toccano i 40 km/h (quindi solitamente in discesa), ma è meno efficace sulle basse velocità, sono solo 5 i Watt sprigionati quando si viaggia a 20 km/h. É facilmente installabile in 10 minuti ed è dotato di un pulsantino che permette di accendere e spegnere il dispositivo a piacimento in modo da non consumare preziosa energia inutilmente.

Dinamo interna al mozzo

Il panorama delle dinamo nel mozzo è ampio – dai modelli presenti su Alfine e Nexus del colosso giapponese Shimano e dalle buonissime e onnipresenti SON – e ultimamente si possono trovare prodotti di qualità molto performanti.

BioLogic Joule 3

Tra queste la più interessante è la pluripremiata BioLogic Joule 3. Questa dinamo nel mozzo ha la particolarità di essere una tra i più leggere ed efficienti tra quelle disponibili sul mercato.

La versione più leggera infatti pesa solamente 356 grammi (contro i circa 400 grammi di una SON Delux e i 560 grammi di una Shimano Alfine DHS-501). La speciale disposizione dei magneti da loro brevettata rende quasi impercettibili gli attriti generati e fa arrivare il tasso di efficienza a un ottimo 73%. La BioLogic Joule 3 è disponibile sia per ruote con freni a disco che con freni tradizionali, il prezzo oscilla tra i 200 e i 250 euro, sostanzialmente in linea con il listino della SON.

Luci a induzione elettromagnetica

Reelight Nova

Pur non essendo una vera e propria dinamo, la Reelight Nova è degna di nota perché è una delle miglior luci a induzione elettromagnetica per rapporto qualità prezzo. Con meno di 50 euro è possibile avere questo sistema che riesce a produrre una luce fino a 60 lumen.

La tecnologia della Nova è contactless, ovvero senza contatto, basta solamente avvicinare il dispositivo al cerchio metallico della ruota per generare senza alcuna frizione l’energia necessaria al pieno funzionamento delle luci. La Reelight Nova è leggera e semplicissima da montare ed è adatta a tutti i tipi di bicicletta, dalle bici da corsa fino alle bici da città.

Obiettivo comune: ridurre al minimo l’impatto ambientale

Se tra tutta questa varietà di dinamo di nuova generazione se c’è un minimo comune denominatore è proprio quello della riduzione dell’impatto ambientale. Tutti questi dispositivi ti permettono di produrre energia totalmente pulita, generata unicamente dallo sforzo dei tuoi muscoli sui pedali.

Non servono quindi batterie usa e getta da buttare in grande quantità nel cestino dei rifiuti (possibilmente quello differenziato) e nemmeno quelle ricaricabili con la corrente elettrica di casa, troppo spesso prodotta in maniera non proprio green.

La dinamo è quell’oggetto che, oltre non farti produrre inquinamento lasciando a casa la macchina anche col buio, ti fa risparmiare rifiuti e denaro grazie al pieno sfruttamento delle proprietà meccaniche e ciclistiche della bicicletta.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti