Dopo la doccia gelata per la sla…l’investimento lento per la sicurezza stradale

26 Agosto 2014

doccia-gelata-investimento-lento

Anche a chi è ancora in vacanza sarà capitato almeno una volta di sentir parlare di un’iniziativa virale di beneficenza che sta coinvolgendo personaggi famosi di tutto il mondo: la doccia gelata (Ice Bucket Challenge), per cui una serie ormai lunghissima di vip si fa tirare una secchiata d’acqua fredda per poi nominare un altro personaggio a cui toccherà la stessa sorte. L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sla e raccogliere fondi per la ricerca contro questa malattia.

Sulla falsa riga della doccia gelata per la sla, Alfredo Giordani, attivista romano del movimento #Salvaiciclisti, ha risposto lanciando un’iniziativa analoga per porre l’attenzione su un’altra emergenza non meno grave: la sicurezza stradale delle città italiane, in particolare a tutela di ciclisti e pedoni.
Il pretesto stavolta non è stato la doccia gelata ma l’investimento lento (Slow Accident Challenge), con cui viene simulato l’investimento di un pedone da parte di un’auto che procede a passo d’uomo.
Il messaggio stavolta è meno enigmatico: “cos’è che fa la differenza tra un incidente mortale e un incidente banale? la velocità. La soluzione? Centri urbani a 30 km/h”.
Sperando di dare la dovuta visibilità alla sua iniziativa, Alfredo Giordani ha poi nominato il premier Matteo Renzi per il prossimo investimento lento.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti