MENU
viaggi girolibero

La rivoluzione dei pedali in Portogallo

News • di 31 Luglio 2015

Sul fronte della mobilità nuova qualcosa si sta muovendo in Portogallo e lo sta facendo con un incedere costante, che negli ultimi anni sta proiettando il Paese verso un futuro dove la bici è sempre più al centro. Nonostante il settore pubblico sia in ritardo, sono attualmente in corso di realizzazione alcuni importanti interventi infrastrutturali comunali per la moderazione del traffico e l’implementazione di bike-way cittadine e la rivoluzione dei pedali è in corso. Lo scrive l’ECF.

Portogallo_Bike2School_Gafanha da Nazaré

I prossimi anni potrebbero rappresentare un punto di svolta per il Portogallo. L’uso della bicicletta è in crescita esponenziale tra la popolazione, soprattutto nelle aree urbane. Attività importanti stanno guadagnando terreno, come le riunioni comunitarie Cicloficina – dove ci si scambiano parti di biciclette e vengono eseguite piccole riparazioni volontariamente in 12 sedi a livello nazionale, di cui 9 nella sola regione di Lisbona – e la Critical Mass che si tiene in 14 città portoghesi. Senza contare gli altri progetti organizzati per diffondere la bicicletta come mezzo di trasporto per andare a lavorare (bike-to-work) o accompagnare i bambini a scuola (bike-to-school). Inoltre diverse associazioni locali promuovono l’intermodalità della bici con il trasporto pubblico per sostituire l’automobile nei tragitti quotidiani all’interno delle aree metropolitane.

Portogallo_Eurovelo_1_ciclabile_tra_Aveiro_e_Lisbona

Anche per quanto riguarda il cicloturismo il Portogallo si sta attrezzando: questa estate è stata lanciata per la prima volta Ecovias de Portugal, una guida cicloturistica completa che copre la maggior parte del Paese. Questa guida fornisce una nuova prospettiva su sentieri già esistenti, con un programma organizzato per ulteriori sviluppi e una APP per gli abbonati. Inoltre si sta ampliando la rete nazionale di alberghi bike-friendly, che oggi conta 68 hotel con vari servizi a supporto dei cicloturisti. Intanto, la prevista approvazione dell’itinerario EuroVelo EV1 Costa Atlantica potrebbe essere un importante volano per far decollare la cultura della bicicletta in Portogallo: un’infrastruttura strategica per collegare le diverse zone del Paese e raddoppiare l’attuale rete ciclabile esistente entro il 2017.

Foto | Fonte ECF







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *