MENU
vota pinzuti

Da Milano a Londra in bici, non “per caso” ma per le donne

News • di 12 Luglio 2017

cicliste per caso

Abbiamo già conosciuto le “Cicliste per Caso” Linda e Silvia qualche mese fa, quando ci hanno raccontato del loro viaggio in bici in Italia sulle tracce di Alfonsina Strada. Alfonsina fu la prima donna a competere in un Giro d’Italia nel 1924, diventando così un simbolo dell’emancipazione femminile.

Ieri Linda e Silvia si sono rimesse in sella: partenza da Milano, arrivo a Londra previsto per il 30 luglio dopo 1600km di pedalate. Come potete vedere, non è stato scelto il percorso più diretto e breve, bensì quello che segue meglio le grandi ciclovie europee, come Eurovelo 15 o la Avenue Verte.

cicliste per caso, itinerario

Come al solito, il loro non sarà un semplice viaggio in bici. Le due ragazze hanno deciso anche in questa occasione di valorizzare il mezzo che usano per parlare di donne, emancipazione e pari opportunità partendo proprio dalla bicicletta, che è stata uno dei mezzi principali dell’emancipazione delle donne dalla fine dell’Ottocento. Durante il viaggio racconteranno sul loro blog le storie delle grandi donne che hanno cambiato il mondo, da Margherita Hack a Coco Chanel, Marie Curie e molte altre…

Linda e Silvia stanno anche raccogliendo messaggi da parte di donne e uomini che vogliano rispondere alla domanda: “Cosa significa oggi essere una donna coraggiosa?” Anche voi potete dare il vostro contributo scrivendo a info AT ciclistepercaso.com. Le due cicliste per caso raccoglieranno tutti i messaggi in un quaderno che porteranno fino alla mèta del loro viaggio: il Memoriale della suffragetta Emmeline Pankhurst a Westminster.

E anche il luogo scelto per la partenza di ieri non è stato per niente… casuale: via Alfonsina Strada, che veniva inaugurata con questo nome proprio ieri. Un cerchio si chiude, un viaggio inizia.

Potete seguire il viaggio di Linda e Silvia su www.ciclistepercaso.com o sulla loro pagina Facebook “Cicliste per caso”.

Se volete saperne di più su Alfonsina Strada e le sue avventure in bici leggete questo articolo.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *